Uova al forno

Tutto quello che accade al tuo corpo – con la tua alimentazione ed il tuo sport od il tuo pesaculismo – non può essere tramandato al mondo.
Insomma, quello che accade a te rimane a te soltanto e direi che questa è una delle sacre regole dell’esistenza.

Tipo le regole di questa gente qui.

Ogni giorno c’è chi mi domanda quante calorie ingerisco al giorno, quanta palestra faccio, che dieta seguo, quante volte al giorno cago e pure come faccio ad ottenere delle sonorità così intense. Ed io non posso che rispondere in un solo modo: sono domande molto interessanti. Grazie per avermele poste.

Grazie, ma questa diplomazia l’ho imparata da Elio e le storie tese.

La realtà è che non esistono regole che possono applicarsi a più di un individuo alla volta e quello che funziona con me non funziona con te. Punto.
Pure io vado a tentativi e cambio sia allenamento che alimentazione molto spesso, perché è il corpo stesso ad urlarmi che non è più contento di quello che stiamo facendo.
A volte desiderando fortemente un pacco di biscotti perché per una settimana gli ho tolto gli zuccheri, altre volendo il digiuno, altre ancora non sa che cazzo fare e rimaniamo nel dubbio, cercando di alimentarlo con roba sana che riempia.
Ogni giorno è una sorpresa.
E la cosa vera è che è impossibile creare un programma alimentare che funzioni ogni giorno. Ci si può provare, inciampando qui e là.

Sì, ok, ciao Namor!

L’importante è cercare di ascoltarsi e bestemmiare poco quando ci si ingozza di cioccolata perché in preda ad una crisi isterica, seguendo il motto Ma che cazzo me ne fotto a me.
Poi il giorno dopo si torna col riso bollito, il polletto, le uova.
Tipo queste uova che ti sto per presentare, mangiate il giorno dopo un cheat day epocale.

Go, go, go!

E allenati sul serio, non fare come questa qui che ha evidentemente i pesi di cartapesta (dove sono i muscoli, eh?).

Per preparare delle uova al forno, per una persona, hai bisogno di:

  • 4 uova;
  • 300 grammi di passata di pomodoro;
  • 30 grammi di parmigiano;
  • sale, pepe, basilico;
  • 10 grammi d’olio;
  • pane.

Accendi il forno a 180 gradi, modalità statica.
Grattugia il parmigiano.

Versa i 300 grammi di passata in una ciotola e condiscili con un po’ di sale, pepe e i 10 grammi d’olio. Mescola bene.

Prendi la teglia (teglia che userai per mangiare, quindi che sia comoda) e versaci un po’ di passata. Quel che occorre per coprire leggermente il fondo.

Rompi le uova una alla volta in un bicchiere. E sempre una alla volta bisognerà metterle in teglia.
Quindi rompi:

E poi rovescia nelle teglia, mettendole un po’ distanziate l’una dall’altra:

Metti il resto della passata nella teglia, non coprendo però i tuorli. Quindi piano piano, con l’aiuto di un cucchiaio.

Cospargi col parmigiano. Sempre senza coprire i rossi.

Adesso devi infornare.
180 gradi per minimo 15 minuti, massimo 25. Dipende come vuoi la cottura. In 25 minuti l’uovo diventa praticamente sodo e devo dire che a me è piaciuto molto. L’importante è che gli albumi siano ben cotti, altrimenti fa schifo.
Ecco qui:

Munisciti di pane, cospargi tutto di basilico come vedi nell’immagine qui sopra e mangia, che te lo sei meritato.

Ciao e buon appetito!

Annunci

Il riso proteico del palestrato (+ Pierino Porcospino o Der Struwwelpeter, che il tedesco è sempre una lingua tanto musicale)

Tante, tante le domande che mi pongo ogni volta che vedo una donna con unghie lunghe, immancabilmente laccate con colori improbabili.

A me viene in mente sempre lui.

Dopo lo spontaneo Oh, che schifo! ecco le immagini inquietanti di queste ragazze sedute al gabinetto con in mano la carta igienica e nessuna capacità motoria.
Mi viene da vomitare pensando alle loro dita intente ad impastare, creare polpette, ungere cosciotti di agnello e via dicendo.
Ma la cosa che mi perplime di più, che davvero Cazzo dite è l’unica risposta possibile, è come facciano ad allenarsi.

Perché, vista la temutissima prova costume (che di solito si traduce in Vado al negozio e ne compro un altro, ridendo tantissimo per questa storia di vita che diverrà aneddotone divertentissimo nelle spiagge stracolme di ippopotami spiaggiati) la palestra è diventata (di nuovo) la moda imperante tra casalinghe e donne che, in genere, non fanno altro che attendere l’arrotino.
Sì, sono sessista.

Le donne come le vede Pizzakaiju! Prestissimo, su Rieducational Channel!

Quindi le vedi, tutte tirate, che dichiarano di allenarsi. Fanno le storie su Instagram, scrivono pipponi motivazionali che ti rivelano che scoprirai quanto lontano riuscirai ad andare quando proverai a correre (o cazzate simili) e tutto questo mentre io le immagino sollevare bottigline d’acqua VUOTE che non riescono ad afferrare bene a causa di quelle cazzo di unghie.

La classica tenuta da palestra.

L’unica cosa che mi ferma dal prendere il treno per assegnare loro un colpo sotto personalizzato è la consapevolezza CERTA che questa loro finta corsa (anzi, camminata a passo spedito, che fa tanto bene alla salute… e del fare le scale? Vogliamo parlare di quanto fa bene fare le scale???) verso la spiaggia finirà sotto il solito ombrellone, con le solite quintalate di insalate di riso coi salsicciotti unti, le lasagne fritte conservate nelle borse frigo e i miliardi spesi al bar tra fritture di pesce (schifide) e freselle straunte (senza mozzarelle, perché ai turisti le mozzarelle non si danno).

Ogni anno odio questi pachidermi che riempiono l’internet con le loro menate in cui fingono di dover rimettersi in sesto per andare al mare, come se poi qualcuno le (e li, dai, mitighiamo questo sessismo del kaiju) cagasse di striscio. Scoprono che esiste l’attività fisica e che fa tanto, tanto, ma tanto bene e di colpo divengono salutisti ed evangelizzatori del MAI FERMI. Non solo: vengono pure da te, che ti spacchi il culo da sempre e da oltre ed in modi sempre più fantasiosi, ed osano pure dispensarti consigli per migliorare il tuo allenamento. Loro. Quelle che usano le bottigline di plastica vuote per farsi venire le braccia toniche.

Ma si meritano anche ganci e destri e gomitate, altro che solo colpi sotto. Basta, vado a prendere un treno.

Una vetrina di motivazione sportiva in cui tutti si raccontano cazzate a vicenda, tra una dieta ammazza metabolismo dalla durata di 5 settimane (e perdi 4543543 chili!) ed un non ben precisato workout casalingo di cui si ignorano gli effetti (se non altro da questa parte dello schermo non si vedono).

Ma come, Pizzakaiju, adesso ti lamenti perché la gente ha cominciato a muovere il culo? Non eri tu quella che predicava il movimento, anche minimo, e che diceva che da qualche parte bisogna pure iniziare?

Sono sempre contentissima quando qualcuno mi ascolta, bravo.

Non mi stancherò mai di ripetere che non ci si rimette in sesto ad aprile per il mese di agosto. Inizia pure a muovere il culo, ma farai un po’ meno schifo per l’estate prossima. Questa estate qui, quella del 2019, goditela da ippopotamo perché non esistono i miracoli.
Esiste l’impegno, il sacrificio, l’allenamento costante e quotidiano 365 giorni l’anno.
Ogni volta che vedo una di queste usare la parola ALLENARSI per i loro 6 minuti di ginnastica da camera a me sale il supersayan.

Perché lo sport non serve per andare in spiaggia, non è una cosa semplicemente UTILE per un non ben precisato dimagrimento su cui regna una disinformazione terrificante: il peso della bilancia è solo un numero, se ti massacri con geniali metodi alla vanna marchi l’unica cosa che fai è togliere quei pochi muscoli che hai e massacrare il tuo metabolismo (che già è peggio di quello di Morla, la Tartaruga Millenaria).

Non ci si ricorda di possedere un corpo quando si fa il cambio dell’armadio e non ci si può improvvisare nutrizionisti se si ostentano delle braccia budinose ed altre nefandezze coltivate ad arte, quelle sì, per tutti i giorni in cui il sole ha deciso di sorgere su questo pianeta.

Risultati immagini per simpson running

Ti ricorda qualcuno?

E poi no. Ci si allena in pigiama, con le magliettacce, sudati ed anche un po’ incazzati quando bisogna sollevare roba che manco Stallone in Rocky IV. Ho capito che se il mondo può cambiare tutti possiamo cambiare, ma no, scordatelo: tu figa (o figo) in sei giorni e mezzo non lo diventi.
Ti voglio vedere con i dolori ai muscoli, i calli alle mani per le troppe trazioni ed il culo bruciato per gli addominali.
Altro che unghie laccate e rossetti del cazzo.

Mi sono lamentata abbastanza: mangiamo.

Anche se continuerò a pensare ai mille modi per far tacere certi soggetti.

Oggi ti propongo il riso col pollo e le uova. Classico cibo del palestrato trasformato però dal kaiju in qualcosa di più divertente: intanto si usa il wok e poi un po’ di condimento c’è. Che non è che qui possiamo diventare i più grandi pallavolisti del Giappone senza mangiare come delle persone adulte.

Questa gif non mi stancherà mai.

Go, go, go!

Per preparare il riso proteico del palestrato, per due persone, hai bisogno di:

  • 200 grammi di riso basmati;
  • 30 grammi di salsa di soia;
  • circa 500 grammi di straccetti di pollo;
  • 3 cucchiai d’olio;
  • 4 uova;
  • un cipollotto;
  • poco sale.

Se non hai mai usato un wok, qui c’è il tutorial per una ricetta di base.
Se non hai un wok e vuoi comprarne uno e bruciarlo a mano, trovi la guida qui.

Come ormai dovresti sapere, quando si usa il wok il riso deve essere già bollito e freddissimo. Quindi preparalo, senza mettere il sale nell’acqua, e tiralo fuori un paio di minuti prima del tempo indicato sulla confezione e poi distribuiscilo bene su un piatto. Aspetta che si raffreddi un po’ e poi caccialo in frigo, per poi tirarlo fuori quando sarà ora di ripassarlo nel wok.
Un lavoro che devi fare diverse ore prima del pasto, quindi organizzati.

È ora di cena? Partiamo.

Innanzitutto taglia il pollo a pezzetti, con le forbici.

Rompi le uova e riversale in una ciotola (al solito, consiglio di romperne una per volta in un bicchiere e travasarle sempre una per volta nella ciotola: se ne becchi una marcia almeno salvi le altre).
Versa i 30 grammi di salsa di soia e sbatti il tutto brevemente, giusto il necessario per amalgamarle.

Taglia a pezzotti anche il cipollotto.

Abbiamo tutto. Tira fuori il riso dal frigo e con l’aiuto di una schiumarola o di un cucchiaio ammonticchialo tutto al centro del piattone: ti sarà più facile cacciarlo nel wok durante la fase del cucinamento.

Metti il wok sul fornello più grande che hai, con il fuoco acceso a massima potenza.
Aspetta che diventi rovente e che faccia uscire tutto il fumaccio:

Cucina salubre.

Versa 3 cucchiai d’olio, aspetta che siano belli roventi pure loro e poi caccia il cipollotto.

Subito dopo butta dentro anche il pollo:

Ora ci vorrà del tempo.
Il pollo infatti butterà fuori un sacco di liquido:

Fallo andare finché si asciuga del tutto. A quel punto metti un po’ di sale, poi continua a farlo andare fino a quando sarà bello bruciacchiato. Gira di continuo con una schiumarola, per non farlo attaccare.

A questo punto versa le uova.

Pochissimi secondi dopo (senza aspettare il classico rigonfiamento sui lati, perché il condimento è troppo ed il wok avrà sicuramente perso temperatura) caccia dentro pure il riso.

Mescola energicamente con la schiumarola, per non fare attaccare.

Durante quest’operazione puoi salare un po’, ma quello che conta è che non smetti mai di mescolare.
Quando è pronto? Ci vorranno un paio di minuti di cottura ed il riso dovrà avere assorbito in sé tutto l’uovo. Dovrà essere asciutto.

Qui mancano almeno altri 30 secondi.

Prepara le porzioni e davanti a te dovresti avere una cosa del genere:

Passiamo ora ai valori nutrizionali, per diventare ciccioni con consapevolezza.

I valori sono sempre per una sola porzione, ossia il tuo cazzo di piatto.
Calorie totali: 928
Carboidrati: 91g
Proteine: 84g
Grassi: 25g

Ciao e buon appetito! (ma stai con me, che dopo i titoli di coda c’è Nick Fury).

Risultati immagini per Der Struwwelpeter

Non c’entra niente, quasi, ma come non condividerla?

Oh, che schifo quel bambino!
È Pierino il Porcospino.
Egli ha l’unghie smisurate
Che non furon mai tagliate;
I capelli sulla testa
Gli han formata una foresta
Densa, sporca, puzzolente.
Dice a lui tutta la gente:
Oh, che schifo quel bambino!
È Pierino il Porcospino.

Panino Forense

Pizzakaiju si fa il culo in palestra e poi si sfonda di mars.
Pizzakaiju fa 50 trazioni e poi si butta sul cheddar.
Pizzakaiju tenta i dip e poi si ammazza di burro d’arachidi.

Un pianto per tutte le ore di fatica buttate per colpa della monnezza. In giapponese, una serie di bestemmie.

Ma adesso basta.
Adesso sono passata al lato oscuro ed ho iniziato a contare quelle robe malefiche che sono i nutrienti ed ho scoperto che prendevo tipo 40 grammi di proteine al giorno. Grazie al cazzo che non crescevo.
Così è partito il programma Rocky ed ogni mattina, prima dell’allenamento, mi mangio 300 grammi di albumi strapazzati. Che non risolverà il problema, ma è già un primo passo.

uova.JPG

Un Rip per tutte le uova cadute in questa battaglia per conquistare la massa muscolare.

Ti parlo di questo per due motivi:

  • dico sempre le stesse robe. Anzi, rincaro: ciccioni, blablabla, scureggioni, blablabla, fate sport, blablabla, niente diete, blablabla, non andate in macchina, blablabla e pure Non è vero che non hai tempo, semmai dì che c’hai voglia di fare un cazzo;
  • stiamo per fare un panino da dopo palestra.

Un panino che si mangia spesso Christian Colucci, che se non lo conosci è giusto il tempo: fisico della madonna, cervello funzionante, iper attivo sia su youtube che su Instagram.
Quando ho visto le foto della sua ricetta sono caduta dalla sedia e quindi niente, oggi fa tutto lui, io mi limito solo a presentarlo.

E comunque dico cazzate perché ieri ho mangiato una pastiera ed una pizza. Ma si sa, i carboidrati sono importanti.

Anche se una modifica l’ho fatta. Anzi, due.
Innanzitutto il nome: lui l’ha chiamato Panino al doppio malto, ma io lo sto per ribattezzare Panino Forense.
È un po’ lunga da spiegare, ma l’energia che usiamo per ammazzarci i muscoli è proprio quella Forense e Colucci l’ha spiegato più e più volte nei suoi video e nei suoi post. Mi sembra giusto dare importanza a questa energia che quasi nessuno conosce e che si può utilizzare per imprese memorabili: acchiappare le mosche con le bacchette cinesi, creare una Kamehameha, eseguire una manovra tridimensionale pure quando si finisce il gas e persino fermare Galactus durante i suoi attacchi da fame chimica.

Risultati immagini per mimi ayuara

Tipico esempio di ciò che può fare l’energia forense nella pallavolo.

La seconda modifica fondamentale è l’aggiunta del burro d’arachidi. Perché trovo noiosi quei bordi di pane secchi secchi, tristi tristi, vuoti vuoti.
E poi non c’è nulla che il burro d’arachidi non possa migliorare (tre negazioni in una frase, brava).
Ma lascio la parola a Colucci, che spiegherà tutto con le sue immagini (ma siccome internet è bastardo, scrivo lo stesso le didascalie, nel caso le foto entrassero in un buco nero per sparire per sempre).

Go, go, go!

Per preparare un Panino Forense hai bisogno di:

  • 3 fette di pane bianco, tipo panbauletto;
  • 2 uova (o di più, se vuoi);
  • 20 grammi di burro d’arachidi (30 se ti senti proprio ciccione dentro).

Gli utensili che ti serviranno sono due: un padellino antiaderente ed il filtro del caffè.
A cosa serve? A bucare il pane:

Se vuoi rendere le cose più difficili puoi bucare tutte e tre le fette insieme, così:

Però se lo fai attenta, che la mollica si incastra proprio strabene nel filtro del caffè e poi la dimentichi là. Ed attenta pure a non spaccarlo.
Se vuoi aggiungere il burro d’arachidi spalmalo ora nelle due fette inferiori (quella in alto no, perché dovrai girarla e sarà a contatto con la padella calda):

Quindi questa è la prima, poi aggiungi la seconda e spalmi pure quella, poi nella terza un cazzo.

Prendi la padella e scaldala molto bene. Aggiungi poi il pane:

Se hai spalmato il burro d’arachidi, avrà questo aspetto:

Ora rompi le uova. Io consiglio sempre di spaccare un uovo alla volta in un bicchiere e poi di riversarli, sempre uno alla volta, in padella: settimana scorsa ne ho trovata una marcia e sono ancora traumatizzata.

Se vuoi mettere più uova, è il momento di farlo:

Ti ricordi la mollica che hai conservato? Hai controllato che non sia rimasta appiccicata al filtro del caffè? Bene, tocca a lei. Cacciala nel panino per tappare il buco:

Adesso abbassa la fiamma al minimo e fai andare il pane piano piano. Se alzi troppo la fiamma si carbonizza subito e l’uovo dentro non si cuoce.

Ogni tanto ti tocca pure girarlo, perché il pane deve abbrustolirsi su entrambi i lati.

Quando fermarsi?
Dipende quanto ti piace il pane sbruciacchiato e quanto vuoi cuocere l’uovo.
Nella versione di Colucci l’uovo è senz’altro supercotto, ma a me piaceva l’idea di addentare il panino ed avere tuorlo crudo sul mento, sui capelli, sui vestiti.
Quindi ho raggiunto un colore più sobrio, da prima abbronzatura di giugno:

Tutto questo lungo procedimento in realtà ti occuperà 5 minuti. Certo, 5 minuti con lo stomaco che rompe i coglioni non sono facili da reggere.

Abbiamo finito? Quasi!
Prima di mangiare c’è il sacro rito del selfie:

Ora sì.
Siediti e mangia, che te lo sei meritato.

Ciao e buon appetito!