Primi, Risotti

Risotto alla Calzini (con parboiled, feta e pomodorini).

Può pure succedere che il risotto riesca male. Che tu mantechi, chiudi col coperchio, riapri e niente: trovi l’orrore.

23244238_10210463127830481_4047654601999904350_n
Superman si è pure dimenticato che stava cucinando un risotto e non una torta, quindi immagina che cagata è venuta fuori…

Per i puristi oggi non c’è spazio. Abbiamo già affrontato il tutorial per il risotto perfetto, quindi i nostalgici reazionari vadano a sbavare sulle foto di quel post là.

Per i temerari, invece, oggi illustrerò il metodo Calzini. Che vuole il riso Parboiled e non il Carnaroli.

giphy1
Ecco un purista che se ne va.

Chi è Calzini e dove troviamo questo metodo alternativo per preparare un risotto? So che di solito per tutte le domande la risposta universale è 42, ma in questo caso Calzini è stato il gatto di Catia e la ricetta arriva ovviamente da casa sua.

Siccome i mici sono un mio punto debole ed ho tutti gli spazi vitali occupati da gatti di ogni età, potevo forse evitare di omaggiarli con una ricetta? Anzi, con un metodo di risotti: così ogni volta che cucineremo del parboiled penseremo a loro.

Ah, il primo che osa anche solo pensare AMICI PELOSI si becca un calcio in culo. Se poi usa il termine pelosetti, anche uno sulle gengive.

tumblr_ogdoc8ywry1tbcweeo1_400
Lui ha osato pronunciare la frase Cucciolotti tenerotti e gli ho tagliato il braccio.

Cominciamo.
Go, go, go!

Le dosi sono, come sempre, per due persone.

Per cucinare il Risotto alla Calzini, con Feta e pomodorini, hai bisogno di:

  • 200 grammi di riso Parboiled;
  • 500 grammi di pomodorini;
  • mezza cipolla, un cucchiaio d’olio, origano a volontà, peperoncino.
  • 200 grammi di feta.

In una padella (o in una pentola di cui possiedi il coperchio), fai scaldare un cucchiaio d’olio e soffriggi la cipolla tritata ed il peperoncino.

Taglia i pomodorini a pezzetti e, quando la cipolla è colorata, caccia pure loro in padella. Aggiungi anche l’origano.

tumblr_oz9b0dxtdv1r0awsqo2_1280

Metti il coperchio e cuoci a fiamma media, girando ogni tanto e spiaccicando i pomodorini con un cucchiaio di legno. Ci vorranno 15-20 minuti. Quindi regolati di conseguenza per la cottura del riso.
Ti consiglio di non salare, poiché la feta è super saporita.

Nel caso tu sia insicura: finisci prima il sugo, spegni la fiamma ma tienilo in caldo col coperchio e poi occupati del riso. Un paio di minuti prima dell’arrivo del riso, accendi di nuovo la fiamma del sugo per accoglierlo caldamente.

Metti a bollire l’acqua del riso (ricordati di salarla) e lessalo.

tumblr_oz9b0dxtdv1r0awsqo3_1280
Cucine lerce che lavorano sodo.

Mentre aspetti, taglia a pezzetti la feta.

Quando il riso è pronto scolalo ed uniscilo al sugo. Sbriciola dentro anche la feta (che già hai tagliato a dadini, ma se la sbricioli con le tue manine è meglio).

tumblr_oz9b0dxtdv1r0awsqo4_1280

Mescola benebene.

tumblr_oz9b0dxtdv1r0awsqo5_1280

Spegni la fiamma. Chiudi col coperchio e fai riposare per tre minuti.

Quando aprirai, dovresti avere ottenuto questo risultato (sempre se non mi sono incartata con le parole):

tumblr_oz9b0dxtdv1r0awsqo6_1280

Come vedi la prova del cucchiaio in questo caso è riuscita. Ma credo sia accaduto solo perché ho usato una quantità di formaggio proibitiva, non ti garantisco la stessa cremosità per altri tipi di condimento. Magari mantecati solo con burro o parmigiano. Quando proverò, ti farò sapere.

Siediti e mangia!

tumblr_oz9b0dxtdv1r0awsqo7_1280
Oppure stai in piedi, come fa BenGrimm.

La prossima volta prepareremo una pasta e fagioli, ma questa volta useremo i legumi secchi. Quindi procurati dei Borlotti e comincia a metterli in acqua.

Ciao!

Annunci
Primi, Risotti

Risotto con funghi e scamorza (Tutorial per risotti).

Non lo so se io abbia davvero la sindrome di Asperger, di sicuro c’è che ogni volta che inizio qualcosa o la sfanculizzo subito oppure diventa una malattia.

Compro un action figure? Ecco la collezione completa di tutta la produzione Neca. Mi guardo un film? Divento cinefilo incallito e non posso saltare un giorno di visioni senza sentirmi male. Videogioco? Ah, eccomi a buttare ore ed ore per sbloccare trofei impossibili e – soprattutto – inutili.

tumblr_oyxe21hfgd1rrm03lo1_500
Tende ad esplodermi il cervello.

Sorprendentemente, il blog non è stato sfanculato. Ho imparato e sto imparando tanto, ogni giorno. Un po’ grazie ad altri blogger, un po’ grazie alla pratica ed un po’ perché sto molto più attenta a ciò che faccio, dato che devo spiegarlo a te. Ma sta pure diventando un po’ una fissa e mi occupa ore intere durante la giornata, nonostante io scriva solo boiate.

Quindi ieri guardavo i miei risotti ed ho visto che sono stati preparati tutti usando il parboiled.

tenor3
Tutti, cazzo!

In più, il vecchio tutorial per risotti non è più sufficiente. L’ho corretto, è pieno di errori, ma non è solo quello. Oggi ho quasi smesso di usare verdure surgelate (a meno che non sia stagione di qualcosa in particolare) ed iniziare un tutorial con un risotto con carciofi surgelati a me viene male. Che fanno pure un po’ cagare, i carciofi surgelati.
Sto anche imparando a cucinare di più seguendo le stagioni (anche se ora mi sta venendo voglia di asparagi, quindi via di Orogel) e quindi bestemmio ogni volta che leggo qualcosa di più vecchio e mi insulto da sola.

tumblr_lyoclgxyc31qezlbwo1_500
Maledetta Pizzakaiju!

Tutto questo per dire che oggi si levella di nuovo. Si impara il risotto, una volta per tutte, cercando di commettere meno errori possibili.

tumblr_orbq1wmw9w1qhry52o3_400
Tutti ai posti di manovra!

Prepariamo un risotto con funghi freschi e scamorza.

Parentesi per i funghi: non ha importanza che siano porcini, l’importante è che siano freschi e basta. Quelli surgelati non sanno di niente e costano pure molto di più. Per questa ricetta ho usato gli champignon, ma tu puoi sostituirli con quello che trovi.

Parentesi per la scamorza: in teronia la scamorza è una cosa, la provola un’altra. Al nord sono quasi sinonimi. Quando dico scamorza, intendo il formaggio secco. La provola è fresca (tipo mozzarella). I formaggi tanto freschi sono poco adatti per la preparazione di pasta e risotti, poiché tendono a diventare una mappazza unica. In più sono meno digeribili (meglio freschi, aggiunti direttamente sopra i piatti) e, soprattutto, vengono rovinati. Cuocere la mozzarella di bufala, per fare un esempio, è per me un peccato difficilmente perdonabile.
Quindi scamorza secca.

Finite le parentesi. Iniziamo.

Go, go, go!

tumblr_nmh6zvsmoh1sa11jco1_500
Lo so che c’hai fame e non ce la fai più ad aspettare.

Per preparare un risotto con funghi e scamorza, per due persone, hai bisogno di:

  • 200 grammi di riso Carnaroli (mi raccomando, non variare tipo di riso. Il Carnaroli è il più adatto, poiché ricco di amido);
  • 1,5 litri di brodo vegetale (io lo preparo sempre col dado, poiché è raro che abbia delle verdure avanzate in frigo. Se lo prepari da zero è più buono, però);
  • 400 grammi di funghi freschi;
  • mezza cipolla;
  • 150 grammi di scamorza;
  • un cucchiaio d’olio, una noce di burro;
  • 30 grammi di parmigiano;
  • un altro cucchiaio d’olio per la cottura dei funghi.

Tra gli ingredienti non c’è il vino, poiché lo uso di rado. Siccome questo è un tutorial per risotti, ti dirò quando inserirlo (anche se questa volta io non l’ho aggiunto).

Prepara il brodo. Una volta pronto, spegni la fiamma e lascia il coperchio. Però riaccendi la fiamma al minimo dopo, quando inizieremo col riso, perché il brodo deve essere sempre caldissimo. Altrimenti roviniamo la cottura del risotto.

Lava bene i funghi e taglia le basi, quelle con radici e terra.
Tagliali a fettine.

tumblr_oz1bmqiurt1r0awsqo1_1280

In una padella fai scaldare un cucchiaio d’olio e poi cuoci i funghi.

tumblr_oz1bmqiurt1r0awsqo2_1280
Fino a quando diventano così.

Dividi in due parti uguali i funghi. Una parte tritala col mixer, ottenendo una crema non fotogenica:

tumblr_oz1bmqiurt1r0awsqo4_1280

Perché quest’operazione? Per avere il gusto di funghi più diffuso nel risotto. Sia chiaro che tu potresti anche evitare l’operazione, se vuoi, e mettere i funghi tutti insieme. Però è una finezza fighetta che ti consiglio.
È una roba che avevo già fatto in questo risotto qui, l’ho ripetuta perché mi era piaciuta in modo particolare.

Grattugia il parmigiano.
Taglia la scamorza a dadini:

tumblr_oz1bmqiurt1r0awsqo5_1280
Secca.

Adesso partiamo col risotto, quindi riaccendi l’acqua del brodo.

In una padella dai bordi alti, di cui possiedi il coperchio, metti un cucchiaio d’olio ed una noce di burro (25 grammi circa).

Fai soffriggere a fiamma bassa la cipolla. Quando sarà bella colorata, alza leggermente la fiamma, aggiungi anche il riso e fai tostare bene per qualche minuto.
Dopo questi due minuti dovresti sfumare col vino (100 ml bastano) e lasciare evaporare.

Trascorso questo tempo aggiungi sia i funghi interi che la crema di funghi e lascia insaporire per un minuto, mescolando bene.

tumblr_oz1bmqiurt1r0awsqo6_1280

Adesso bisogna aggiungere il brodo. All’inizio copri tutto, senza paura di abbondare con il liquido:

tumblr_oz1bmqiurt1r0awsqo7_1280

Ogni tanto gira con un cucchiaio di legno, ma non in modo maniacale. Il risotto non va lasciato a se stesso, ma non deve essere troppo manipolato. 

Mano mano che assorbe brodo, tu aggiungine. Indicativamente, un risotto impiega circa 20 minuti a cuocere. Ma non è una roba scientifica.
L’unica cosa che puoi fare è assaggiare. Quando vedi che i chicchi si ingrossano, è il momento di assaggiarli:

tumblr_oz1bmqiurt1r0awsqo8_1280

Se i chicchi sono ancora un po’ duri, metti altro brodo (non molto) e ripeti l’operazione dell’assaggio dopo un paio di minuti.
Se invece ci siamo, bisogna mantecare. Assicurati di avere ancora del brodo, il riso nella pentola non deve essere asciutto. 

Mantechiamo:
spegni la fiamma. Aggiungi la scamorza e il parmigiano grattugiato. Mescola bene e poi metti il coperchio alla pentola. 

tumblr_oz1bmqiurt1r0awsqo9_1280

Attendi tre minuti e riapri.
Per capire se il risotto è pronto, fai la prova del cucchiaio: se rimane in piedi è pronto, altrimenti hai spento troppo presto.
Grave? Non credo, ma ammetto che non mi è mai successo. Immagino basti riaccendere la fiamma e fare evaporare ancora un po’, se il brodo è in eccesso, ma non ne ho idea.

Devi ottenere questo risultato qui:

tumblr_oz1bmqiurt1r0awsqo10_1280

Ok, credo che questa volta non ci siano errori di merda e forse il risotto te l’ho insegnato sul serio.

La prossima volta prepareremo una roba mondialissima: un tortino di fagiolini. Che detta così ti può sembrare una roba triste, ma ti assicuro che non lo è.

Ciao!

Risotti

Risotto all’uva

L’avevo detto che era tutta colpa del Parboiled.

Una bestemmia tonante contro il Gallo che mi ha rovinato tutti quei risotti che avrebbero potuto essere mondiali e invece erano solo gne.

tumblr_oxxny5ipls1w9q1uyo1_540
Bastardi!

Così, per questo Risotto all’uva, sono andata al supermercato ed ho scelto la marca più scrausa possibile con scritto sopra CARNAROLI a lettere cubitali. Risultato?
Spettacolare.

tumblr_owi8i9uaah1upfu3oo1_r1_1280
Mentre mangiavamo ci davamo le pacche sulle spalle, manco avessimo evitato un disastro spaziale direttamente da Houston.

Risotto all’uva, dicevo. Ricetta rubata a Giovanni Castaldi che è sempre preciso e praticamente perfetto. Persino quando ci consiglia di usare qualche roba particolare (qualcuno ha detto Pepe rosa? Che mi è costato ben € 6,55 (13mila lire del vecchio conio!!!), lo consiglia perché la sa lunga. Lunghissima.

giphy
Hai capito bene: TREDICIMILA LIRE.

Mabbasta stronzeggiare e partiamo con la ricetta. Go, go, go!

Per preparare un Risotto all’uva per due persone, hai bisogno di:

  • 200 grammi di riso carnaroli;
  • 100 grammi di prosciutto crudo tagliato sottile;
  • burro (40 grammi circa) + un cucchiaio d’olio;
  • uno scalogno, prezzemolo e pepe rosa;
  • circa mezzo chilo d’uva, da gestire in due modi diversi (ne parleremo più avanti);
  • brodo vegetale;
  • 50 grammi di robiola;

Attenzione: io, per prepararlo, ho usato ben due utensili strani: la centrifuga ed una padella antiaderente (ma antiaderente per davvero, tipo quella che usi per cuocere le uova o per preparare le crepes).
La centrifuga puoi sostituirla con un passaverdure; per la padella antiaderente, Giovanni assicura che si può sostituire con una padella qualsiasi, basta ricoprire il fondo con della carta forno. 

Prepara il brodo.

Intanto che attendiamo, pensiamo al prosciutto.

Fai scaldare la padella antiaderente usando una fiamma molto alta e, quando sarà rovente, adagia sopra le fette di prosciutto.

tumblr_oyfu8tb95j1r0awsqo1_1280

Dovrai girarle ogni paio di minuti, fino a quando saranno belle colorate, quasi bruciate.
Mettile da parte, usando una griglia ed un piatto (si raffredderanno, croccheranno e lasceranno anche del residuo di grasso).

tumblr_oyfu8tb95j1r0awsqo2_1280
Griglia + piatto.

Sciacqua l’uva (ma fallo, che nel grappolo ci sono le mosche, i moscerini, i ragni e via dicendo). Dobbiamo tirare fuori il succo. Quanto? Siccome dipende dalla centrifuga (la mia spreca parecchia frutta) ed anche dalla succosità (che parola di merda) dell’uva, preferisco indicarti la quantità che ho usato di liquido: un bicchiere quasi pieno, quindi 200 ml.

tumblr_oyfu8tb95j1r0awsqo3_1280
All’opera.

Ti ho indicato molta più uva di quella che ti servirà, poiché dopo dovrai usare altri acini per metterli interi. Ci sarà tutto il tempo, ma tu comincia a lavare pure quelli. Quanti? Anche qui, non posso darti una quantità vera. Io ne ho messi parecchi, perché mi piace avere la roba a pezzi nel risotto. Magari tu preferisci un gusto più delicato, quindi una volta che hai messo dieci acini di uva, già ti sei rotta le palle.
L’unica cosa certa è che io ho usato, in tutto, mezzo chilo d’uva (che è tantissimo, rispetto alle dosi date dalla ricetta originale).

Abbiamo tutto, quindi partiamo col risotto vero e proprio.

tumblr_oyfu8tb95j1r0awsqo4_1280
Visione d’insieme, non proprio completa.

In una pentola a bordi alti, di cui possiedi il coperchio, metti un po’ di burro (40 grammi) + un cucchiaio d’olio (che serve solo ad alzare il punto di fumo del burro, ossia a non farlo bruciare).

Appena il burro si scioglie, caccia dentro uno scalogno tritato e lascialo imbiondire. Dopodiché, aggiungi il riso.

tumblr_oyfu8tb95j1r0awsqo5_1280

Tostalo per qualche minuto, poi butta dentro anche il succo d’uva. Faglielo assorbire bene, a fiamma media e poi parti con le mestolate di brodo (dovresti conoscere il tutorial dei risotti a memoria, ormai).

tumblr_oyfu8tb95j1r0awsqo6_1280

Adesso hai parecchio tempo da attendere, quindi prendi gli acini d’uva che hai messo da parte e tagliali a metà o in quarti. Leva tutti i semini. Ogni tanto gira il riso, eh.

tumblr_oyfu8tb95j1r0awsqo7_1280
Durante quest’operazione ho usato due coltelli diversi.

Ricordati di aggiungere brodo man mano che il riso se lo beve e ricorda pure di non metterne troppo. Quando siamo quasi per essere pronti (il riso si sarà gonfiato parecchio e comunque assaggia per assicurarti della sua morbidezza) spegni la fiamma e aggiungi i 50 grammi di robiola e l’uva.

tumblr_oyfu8tb95j1r0awsqo9_1280

Devi aggiungere anche il pepe rosa. Se hai la fortuna di avere il macinino, macinalo. Io ho preso invece il pepe rosa in salamoia e l’ho sia tritato a mano che messo sui piatti in grani. A me piace il piccante in ogni sua forma e questo contrasto tra il dolce e questo particolare pepe mi ha fatto sbavare.

Una volta che hai aggiunto uva, robiola e pepe rosa mescola bene, chiudi col coperchio ed attendi i tre minuti canonici.

tumblr_oyfu8tb95j1r0awsqo10_1280
Prima della chiusura del coperchio.

In questi tre minuti trita anche del prezzemolo (non tanto, è quasi solo decorativo).

Poi fai i piatti. Su ogni piatto distruggi le fette di prosciutto crudo con le mani, cospargi di prezzemolo e mangia.

Guarda che bello:

tumblr_oyfu8tb95j1r0awsqo8_1280
Pepe rosa che esce dalle fottute pareti.

E che buono, pure!

La prossima volta level up un po’ incerto (perché il mio metodo è ancora un po’ acerbo, ma funziona): prepareremo dei ravioli con ripieno di ricotta e spinaci. E spernacchieremo con le ascelle il Giovanni Rana.

Ciao!

Risotti

Risotto con radicchio, speck e noci.

Prima di tutto vorrei dedicare un pensiero profondo al Riso Gallo.

tumblr_no29wfo4kr1su2ecco1_500
Profondissimo.

Sì, so che avevo detto che era il migliore. Nel frattempo però ho cambiato supermercato e in bella vista c’erano queste scatole con scritto, a caratteri cubitali, RISO PER RISOTTI!!! NON SCUOCE!! ed io – turista della lista della spesa – l’ho comprato. Più e più volte.
Ogni volta che cucinavo un risotto, però, le scene a tavola erano devastanti.

tenor5
L’ultima volta è andata proprio così.

Dunque, con lente d’ingrandimento in una mano e bestemmie tonanti nell’altra, mi sono messa a leggere la scatola. In piccolo, nascosto, ecco l’amara verità: si trattava di riso PARBOILED.

Come il riso Parboiled possa essere PERFETTO PER I RISOTTIIIIIII! (da urlare facendoti partire un embolo) lo sa solo il signor Gallo.
Io mi limito solo a raccontarti che molte mie cene si sono recate fischiettando nell’allegra Valle del Fanculo, per causa sua (e del mio culo pesante, lo so, le etichette si devono leggere).

tumblr_oxzwm1xizg1vaqoiqo1_500
Totalmente d’accordo.

Quindi lo scrivo anche per il tuo bene: bisogna comprare riso Carnaroli e che sia scritto a lettere cubitali.

Ricetta del giorno, che abbiamo perso abbastanza tempo: risotto con radicchio, speck e noci.

Per preparare un risotto con radicchio, speck e noci, per due persone, hai bisogno di:

  • 180 grammi di riso Carnaroli;
  • brodo;
  • 100 grammi di speck tagliato a fettine sottili;
  • un po’ di noci (io le avevo avanzate in dispensa, direi sui 40 grammi);
  • burro, un cucchiaio d’olio;
  • mezza cipolla rossa;
  • pepe, parmigiano grattugiato (una cinquantina di grammi è pure troppo);
  • 100 grammi di vino bianco;
  • un radicchio rosso di Treviso da circa 300 grammi.

Go, go, go! 

Prepara il brodo (non hai più bisogno di mie direttive, che sia dado o che sia con verdure già sai come fare).

Pulisci il radicchio e taglialo a pezzetti. Come sai devi solo tagliargli il culo e levare le foglie esterne più rovinate. 

In una pentola di cui possiedi il coperchio metti un po’ di burro ed un cucchiaio d’olio (serve solo per alzare la temperatura di cottura del burro, per non farlo bruciare). Fai soffriggere la cipolla tritata.

tumblr_oy6bpkfuxo1r0awsqo1_1280

Quando la cipolla sarà un po’ colorata (ci vorranno 5 minuti circa, a fiamma bassa) aggiungi anche il radicchio ed alza leggermente la fiamma. Non ti allarmare se sembra una quantità abnorme: si sgonfierà.

tumblr_oy6bpkfuxo1r0awsqo2_1280

Aggiungi anche il riso e il vino, fai evaporare il tutto.
Quando il vino sarà evaporato, aggiungi anche il brodo, un mestolo alla volta.

tumblr_oy6bpkfuxo1r0awsqo5_1280
In corso d’opera.

Mentre lavoricchi col risotto – che a questo punto si fa un po’ da solo, devi solo girare ogni tanto ed aggiungere brodo all’occorrenza – taglia le noci in modo grossolano.
Taglia anche lo speck altrettanto grossolanamente.

In un pentolino fai sciogliere del burro e poi caccia dentro lo speck.

tumblr_oy6bpkfuxo1r0awsqo3_1280
Perché lo speck non va fatto bollire nel risotto, mi raccomando.

Quando sarà bello colorato e croccante, aggiungi anche le noci. Tutta l’operazione dello speck deve essere fatta a fiamma medio bassa.

tumblr_oy6bpkfuxo1r0awsqo4_1280
Il risultato finale deve essere questo.

Quando avrà l’aspetto della foto che hai appena visto, spegni la fiamma dello speck e tieni da parte.
Gratta del parmigiano.

Ormai il risotto dovrebbe essere quasi pronto, dunque aggiungi anche speck e noci. Fai insaporire per un minuto o due e poi spegni la fiamma. Caccia dentro l’occorrente per mantecare: una noce di burro e un paio di manciate di parmigiano (25 grammi, circa). Mescola bene, aggiungi un po’ di pepe, poi metti il coperchio ed attendi tre minuti. 

Dovresti ottenere un risultato simile:

tumblr_oy6bpkfuxo1r0awsqo6_1280

Si vede che questo non è riso per risotti? Secondo me sì.

Non è brutto, ma si può fare meglio:

tumblr_oy6bpkfuxo1r0awsqo7_1280

La prossima volta prepareremo la nostra prima torta salata. Con carciofi, speck cotto, scamorza e tante altre belle cosine.

Ciao!

Risotti

Risotto con vino, noci e speck.

Non credere che le boiate non vengano fatte, coi risotti. Lo so che tu ormai conosci ogni segreto, perché è tipo il piatto più cucinato su questo blog, ma c’è gente che fa un casino che manco ti immagini.

tumblr_otz23aisfr1vaqoiqo1_1280
Già.

L’esempio tipico? Mettere un salume e bollirlo fino alla morte. Che è un crimine contro l’umanità, oltre ad un peccato per il proprio palato.

È quindi bellissimo quando incontri persone, come la ragazza de Il Sole in Cucina (Enrica, se non sbaglio) che sanno perfettamente quello che stanno facendo, creando un risotto mondiale che io non devo modificare in nessun modo, il che non guasta.
Quindi ti consiglio da andare da lei. Se invece vuoi continuare a cucinare bestemmiando, sei come sempre la benvenuta.

Go, go, go!

Oggi prepariamo un risotto con vino, noci e speck. A differenza del Sole in Cucina, quando io decido di usare il vino non lo uso mai come liquido sfumante. Voglio che si senta, mi piace il gusto corposo che dà al risotto.

Per preparare il risotto col vino, le noci e lo speck, hai bisogno di:

– 180 grammi di riso;
– burro ed olio;
– mezza cipolla tritata;
– 100 grammi di speck a dadini;
– 70 grammi di noci spezzettate;
– un bicchiere di vino rosso, corposo;
– l’immancabile brodo.

Prepara il brodo.
Mentre aspetti, fai scaldare in un padellino 20 grammi di burro e, quando si è sciolto, aggiungi lo speck tagliato a dadini e le noci spezzettate. Spezzale con le mani, senza polverizzarle.
Falle colorare bene, a fuoco medio, per una decina di minuti.

tumblr_ouvmfqg9gx1r0awsqo2_540

Nella solita pentola che ormai è la tua pentola per risotti (antiaderente, bordi alti, devi averne il coperchio) metti una noce di burro ed un cucchiaio d’olio. Falli scaldare, poi aggiungi la cipolla tritata e lasciala soffriggere per qualche minuto. A questo punto aggiungi il riso.

tumblr_ouvmfqg9gx1r0awsqo3_540
Fallo tostare per un paio di minuti, poi caccia dentro pure il bicchiere (un bicchiere bello pieno) di vino rosso.

tumblr_ouvmfqg9gx1r0awsqo4_540

Alza la fiamma e lascialo evaporare bene, poi continua la cottura con i mestoli di brodo. Devo spiegartelo per la centesima volta? Non credo, ma lo faccio. Aggiungi un mestolo alla volta, fallo evaporare (gira spesso) e poi aggiungine ancora. Ormai sai che i minuti sulla confezione del riso non significano niente e che l’unico modo per sapere se il riso è pronto è avere il fedele cucchiaio di legno in piedi, sull’attenti.
Ma, in questo caso, pochi minuti prima della fine della cottura del riso devi aggiungere speck e noci.

tumblr_ouvmfqg9gx1r0awsqo5_540

Fai quindi evaporare il restante brodo e siamo pronti.

tumblr_ouvmfqg9gx1r0awsqo6_540
La prova del cucchiaio.

Spegni la fiamma, chiudi col coperchio e lascia riposare per tre minuti.

A questo punto impiatta. Dovresti avere ottenuto questo risultato:

tumblr_ouvmfqg9gx1r0awsqo8_540

Se sei brava come Il Sole in Cucina, avrai tenuto pure dello speck per decorare. Ma noi stiamo ancora imparando a fare le foto, figurarsi se ci mettiamo già ad occuparci di certe finezze.
Noi mangiamo e beviamo, come ogni Società dei Magnaccioni deve fare.

tumblr_ouvmfqg9gx1r0awsqo7_540
Pizzakaiju si ciba.

La prossima volta non ho ancora deciso che cosa cucineremo. Credo una pasta con la zucca, ma tra cene fuori ed esperimenti culinari non proprio riuscitissimi e doppioni (perché certi piatti sono troppo buoni per non ripeterli in breve tempo) non ho più accumulato ricette.
Quindi ti saluto con questa fortissima dose di suspense!

Ciao!

tumblr_ooy8knbiwd1vaynjyo1_400
Cià.
Primi, Risotti

Risotto con salsiccia, ‘nduja e vino rosso.

Mentre il mondo tutto ti propone ricette fresche, senza accendere i fornelli e tu manco prepari quelli perché il massimo che riesci a fare è tagliare una mozzarella a metà, io vado in controtendenza e ti propongo un bel risotto. Però non un risotto qualsiasi: uno di quelli proprio da febbraio inoltrato, con salsiccia e ‘nduja. Per di più cotto a metà nel vino.

Se hai da lamentarti, il mio amico qui sotto sa sempre essere diplomatico e riesce a trovare la frase adatta ad ogni situazione:

tumblr_ouamcj5zxc1qc5dpuo2_500
Ecco.

Ti rilinko per la centesima volta il tutorial per preparare il risotto.

Detto questo, cominciamo.

Per preparare il risotto con salsiccia, ‘nduja e vino rosso hai bisogno di:

– 180 grammi di riso;
– 300 grammi di salsiccia;
– una noce di burro, un cucchiaio d’ olio, mezza cipolla;
– 2 bicchieri di vino rosso, piuttosto forte. Scegline uno che ti piace, da bere a cena;
– ‘nduja;
– pecorino grattugiato da mettere sui piatti;
– brodo.

Prepara il brodo, come sempre, che quando è pronto si comincia. Un litro sarà più che sufficiente (avanzerà).

In una pentola dai bordi alti, ovviamente antiaderente, metti a scaldare una noce di burro ed un cucchiaio d’ olio. Aggiungi poi la cipolla tritata e la ‘nduja. Ormai sai che la quantità di ‘nduja non è indicabile: dipende da quale tipo hai comprato e comunque ogni ‘nduja è a sé.

tumblr_oublnxnwoz1r0awsqo1_540

Mentre la ‘nduja si scioglie, taglia la salsiccia a pezzetti (e levale il budello).
Aggiungila in padella e falla colorare bene.
Dopo due minuti aggiungi anche il riso e fallo tostare per un altro minuto.

tumblr_oublnxnwoz1r0awsqo2_540

Tocca al vino.
Metti un bicchiere bello pieno e fai cuocere tutto a fiamma media. Quando sarà evaporato, aggiungi un altro bicchiere.
Questa volta la consistenza del risotto non sarà “papposa”, ma vedrai i chicchi leggermente più separati, alla fine.

E no, il riso non si scuocerà nonostante stia cuocendo in vino tiepido e non in brodo bollente e per ben due motivi:

– non ho mai visto un riso scuocersi;
– il bicchiere di vino raggiunge la temperatura di ebollizione davvero dopo pochissimo, quindi il riso non perderà tempo prezioso.

tumblr_oublnxnwoz1r0awsqo3_540

Quando anche il secondo bicchiere di vino sarà stato assorbito, aggiungi il brodo. Vacci piano, poiché ormai il riso è a metà cottura.
Al solito, il risotto sarà pronto quando il cucchiaio starà in piedi:

tumblr_oublnxnwoz1r0awsqo4_540

Spegni la fiamma, metti il coperchio e lascia riposare il riso per tre minuti.
Poi fai i piatti ed aggiungi del pecorino grattugiato (se vuoi: il piatto è già parecchio saporito, il pecorino ci sta ma è effettivamente in più… è che io non resisto al formaggio).

Dovresti avere ottenuto questo risultato:

tumblr_oublnxnwoz1r0awsqo5_540

Basta, siediti e mangia. E ricordati di bere un po’ di vino.

tumblr_oublnxnwoz1r0awsqo6_540
Pizzakaiju con riso.

La prossima volta arriverà finalmente la tanto attesa ricetta delle Tagliatelle con crema di fragole. Ribattezzata, per l’occasione, Tagliatelle alla Rompicoglioni.
Ciao!

Risotti

Risotto al pomodoro

So che ormai il risotto per te non ha più segreti. Quindi il mio post è quasi superfluo, tanto per cambiare, serve solo per darti uno spunto nuovissimo ed originalissimo per un ennesimo abbinamento. Dunque sarò breve e parca di consigli.  Anzi, te ne darò solo uno e ti salverà la vita:

tumblr_oryvzscefi1s1v3r1o1_540
Perché non esistono solo avvertenze culinarie.

So anche che penserai che il risotto non è cibo da sotto l’ombrellone, ma io me lo mangio pure a ferragosto, quindi fuck it.

Oggi prepareremo un risotto al pomodoro, leggermente piccante. 
Sempre dosi per due persone. Hai bisogno di:

– 180 grammi di riso;
– mezza cipolla, una noce di burro, un cucchiaio di olio;
– il brodo;
– 300 grammi di passata di pomodoro (circa);
– peperoncino.

Prepara il brodo.
In una pentola di cui possiedi il coperchio metti la noce di burro ed il cucchiaio di olio. Scaldali e fai soffriggere la mezza cipolla tritata e del peperoncino.
Aggiungi il riso e i 300 grammi di passata di pomodoro.

tumblr_osv6a9pccp1r0awsqo1_540

Lascia insaporire per un paio di minuti, poi copri tutto con il brodo (come giàsssai). Mano a mano che evapora il brodo aggiungine altro e, se vedi che il tutto diventa meno rosso, puoi aggiungere altra passata.

tumblr_osv6a9pccp1r0awsqo2_540

Come al solito, il risotto sarà pronto quando il cucchiaio starà in piedi.

tumblr_osv6a9pccp1r0awsqo3_540

Spegni la fiamma e chiudi col coperchio, lasciando riposare il risotto per i soliti tre minuti.

Dovresti avere raggiunto questo risultato:

tumblr_osv6a9pccp1r0awsqo4_540

Nel prossimo episodio ti darò un’altra versione della pasta con le zucchine e philadelphia, a mio parere molto, ma molto più buona. Ancora piatto vegetariano, per la gioia dell’universo tutto.

Ciao!

Risotti

Risotto alle fragole

Te lo dico subito: le fragole non si cuociono. Il risotto alla fragole si può preparare in tante maniere e devo ancora provare quello in cui metà fragole sono frullate e metà intere (un po’ come abbiamo fatto col risotto ai funghi), ma la costante della non bollitura è sacra e scritta sulle tavole della legge. Se le cuoci cambiano gusto e, soprattutto, il risotto diventa immangiabile. Fidati, ci ho provato. Ed ancora sono qui che me ne pento.

tumblr_oh0srmlzmw1qaqx8xo1_500
Quello è succo di fragola.

Quindi prepariamo una prima versione, l’unica che per ora mi ha più che convinto.

Parentesi necessaria per il formaggio: ho chiesto al formaggiaro Mi dai un po’ di formaggio caprino? e lui mi ha servito un formaggio di merda.

tumblr_osizcvjm9d1r0awsqo3_540
Ho fatto tre etti di formaggio di merda, lascio?

Alla fine io ho messo a pezzetti la cacioricotta della ricetta scorsa che per fortuna avevo ancora in frigo, altrimenti ero fregata. Ti serve un formaggio con un sapore, non una ricotta di polistirolo che non sai manco dove devi buttare se fai la raccolta differenziata (umido o carta?? O forse plastica?). Non deve essere nemmeno troppo salato: proprio una cosetta fresca, tipo una robiola ma con più personalità.

  • 180 grammi di riso;
  • le solite mestolate di brodo;
  • 250-300 grammi di fragole;
  • formaggio caprino, circa 200 grammi (qualcosa simile a quello che abbiamo usato per preparare l’insalata di fragole: fresco, ma senza un gusto troppo prepotente. Anche la robiola può andare);
  • un cucchiaio d’olio, una noce di burro, mezza cipolla (scalogno o comunque cipolla bianca) e 100 ml di vino.

Ti linko, come sempre, il tutorial per fare il risotto.

Prepara il brodo.
Mentre lo aspetti, inizia a tagliare le fragole a pezzetti.

tumblr_osizcvjm9d1r0awsqo1_540
Un tempo la vita era più facile.

In una pentola, di cui possiedi il coperchio, metti un cucchiaio d’olio e una noce di burro. Fai soffriggere lo scalogno (o la mezza cipolla) fino a quando non è colorata. Aggiungi poi il riso e i 100 ml di vino bianco. Fai evaporare.
Adesso copri il riso col brodo e comincia la preparazione del risotto.

tumblr_osizcvjm9d1r0awsqo2_540

Quando il risotto è praticamente pronto spegni la fiamma, aggiungi una noce di burro, le fragole ed il formaggio a pezzetti. Regolati tu con le dosi del formaggio, poiché dipende dal formaggio che stai utilizzando. Nel caso tu abbia un formaggio dalla personalità decisa, come lo avevo io, mettine poco e poi aggiungine grattato direttamente sui piatti. Nel caso tu abbia del formaggio fresco, tipo robiola, mi aggirerei intorno ai 130 e aumenterei le dosi assaggiando.
Purtroppo non è scienza, non posso darti dosi matematiche.

tumblr_osizcvjm9d1r0awsqo4_540

Mescola tutto bene e chiudi col coperchio, lasciando riposare il riso per almeno tre minuti. Se sono riuscita a spiegarmi dovresti avere raggiunto questo risultato:

tumblr_osizcvjm9d1r0awsqo5_540
La prossima volta prepareremo un’insalata di patate e salmone affumicato, contorno che ho usato per del pesce grigliato.

Ciao!

Primi, Risotti

Risotto con radicchio e stracchino

Domani sarà il primo meseversario della mia relazione con il radicchio. Mi sembra giusto dedicargli un post per dimostrare tutto il mio amore incondizionato, perché la mia vita non sarebbe la stessa senza di lui. Da quando ti conosco, caro radicchio mio, alzarsi la mattina ha preso tutta un’altra piega.

Poi oggi non mi sono allenata e quindi c’ho una fame che mi sfamerei giusto con un dieci tonnellate di cibo sparso e parlare di cibo è l’unica cosa che mi rasserena un po’.

Nella ricetta ho messo anche il vino, col solito dubbio che non serva ad un emerito. Ma il risultato è stato buono, quindi io ti dico quello che ho fatto. Se vuoi omettere prenditi le tue responsabilità.

vino
Dubbi leciti.

Il solito tutorial del risotto lo trovi qui.

Prepara il brodo, che poi iniziamo a fare sul serio.

Ingredienti per preparare il risotto con radicchio e stracchino per due persone:

  • 180 grammi di riso;
  • brodo;
  • mezza cipolla di tropea;
  • burro, olio, pepe;
  • 2 cucchiai di parmigiano grattugiato (circa 30 grammi);
  • 250 grammi di radicchio (quello rosso di Treviso);
  • 150 grammi di stracchino;
  • 100 ml di vino bianco.

Taglia il culo al radicchio, leva tutte le foglie, lavale e tagliale a pezzetti.

tumblr_os1xy0aiic1r0awsqo3_540

In una pentola metti una noce di burro ed un cucchiaio di olio e fai soffriggere la mezza cipolla. Aggiungi poi il riso, fallo tostare bene e aggiungi il vino. Fai evaporare.

tumblr_os1xy0aiic1r0awsqo2_540

Adesso aggiungi anche il radicchio, poi copri tutto col brodo. Come al solito: fiamma medio bassa, aggiungi brodo mano a mano che evapora.

tumblr_os1xy0aiic1r0awsqo1_540
Quando il risotto è praticamente pronto, caccia dentro lo stracchino (dai 130 ai 150 grammi) e i 2 cucchiai di parmigiano. Aggiusta anche di pepe, mescola bene e poi spegni la fiamma. Metti il coperchio alla pentola e lascia riposare il risotto per almeno tre minuti.

Come al solito, il cucchiaio sull’attenti è segno che il risotto è pronto per essere divorato.

Se sono riuscita a spiegarmi a dovere, dovresti avere raggiunto questo risultato:

tumblr_os1xy0aiic1r0awsqo5_540

Buon appetito e poi via, tutti a sudare sotto la doccia.

tumblr_mht77xktqt1rjrvmvo1_250
gente che ha mangiato il risotto a luglio.

La prossima volta prepareremo un contorno di peperoni e carote. 
A presto!

Primi, Risotti

Risotto salsiccia e funghi.

Te lo dico sinceramente: io di tenere un blog già mi sono rotta.
Non ho costanza, a volte non ho tempo e spesso non ho proprio la voglia. Quindi goditela, finché dura, poiché non so per quanto riuscirò a combattere il mio desiderio di non fare un cazzo. Vincendo.

tumblr_opzfrw40xo1r0awsqo1_1280
Capisco la disapprovazione: ma no, giuro, non ti prendo per il culo.

Aggiungici che ormai di ricette base ne hai parecchie e che quindi puoi camminare con le tue gambe, almeno per un po’. E che spesso quello che cucino non è certo memorabile: una pasta con zucchine e tacchino a dadini, hai davvero bisogno di me per prepararla? Dai, ne dubito.

Il motivo per cui oggi scrivo è che ho provato molte versioni del risotto funghi e salsiccia, ma questa è stata memorabile e definitiva. Me la devo segnare pure io, quindi tanto vale che la insegni anche a te.

Il solito tutorial del risotto lo trovi qui.

Questo è leggermente più elaborato, poiché prepareremo una crema di funghi e sporcheremo un po’ di piatti in più.  Ma ti giuro che ne vale la pena, questa volta era mondiale e basta, nulla di negativo da segnalare.

tumblr_opzg3qy2xy1r0awsqo1_540
Ti vedo carico!

Forza, prendi appunti.

Utensili necessari:
– solita pentola dai bordi alti, con coperchio, per preparare il risotto;
– padella per cuocere i funghi;
– mixerino ad immersione + un contenitore per preparare la crema;
– solita pentola per preparare il brodo.

Per preparare un risotto ai funghi e salsiccia hai bisogno di:
– 180 grammi di riso;
– una cipolla;
– 300 grammi di salsiccia;
– 300 grammi di funghi misti;
– mezzo bicchiere di vino bianco (150 ml circa);
– un cucchiaio di burro, 2 noci di burro, prezzemolo;
– brodo, pepe.

Inizia preparando il brodo.
Intanto in una padella metti un cucchiaio di olio e cuoci i funghi.

tumblr_opzgqxt2ir1r0awsqo1_540
Contemporaneamente, nella pentola a bordi alti metti una noce di burro, un cucchiaio di olio e fai soffriggere la cipolla. Quando la cipolla è pronta, aggiungi anche la salsiccia ed inizia la cottura per 5 minuti.

tumblr_opzgqxt2ir1r0awsqo3_540

Aggiungi il riso, tostalo per un minuto scarso e aggiungi anche il mezzo bicchiere di vino bianco.

tumblr_opzgqxt2ir1r0awsqo5_540
Circa così.

Lascia evaporare il tutto.

Non dimenticarti dei funghi. Quando sono pronti, dividili in due parti uguali. Una metà mettila nel piatto e lasciala lì, l’altra in un contenitore di plastica e tritala, con un po’ di brodo. Non ha molto importanza la consistenza: devi formare una crema vellutata, ma l’unico motivo per cui stai eseguendo questa operazione è diffondere il sapore dei funghi nel risotto in modo che il gusto finale risulti equilibrato. Quindi, anche se la crema venisse un po’ più liquida, l’unica cosa che accadrà è che dovrai aspettare di più per la formazione del risotto, dato che dovrà evaporare l’acqua in eccesso.

La mia era così:

tumblr_opzgqxt2ir1r0awsqo2_540
Non è invitante, ma non ha importanza.

Aggiungi al riso sia la crema di funghi che i funghi interi.

tumblr_opzgqxt2ir1r0awsqo6_540

Continua la cottura fino a quando il riso non sarà pronto: assaggialo per la consistenza e fai in modo che rimanga un po’ di brodo. Prosegui con la mantecatura. Spegni la fiamma, aggiungi un po’ di pepe, un’altra noce di burro, del prezzemolo, mescola tutto. Chiudi col coperchio per tre minuti e basta, goditelo.

Se – una volta riaperto il coperchio – il cucchiaio resta in piedi, il risotto è pronto.

tumblr_opzgqxt2ir1r0awsqo7_540
Per me è stato mondiale, la crema ha fatto davvero al differenza. Di solito la salsiccia predomina sempre e il fungo si sente solo quando lo si addenta (quando si è fortunati). In questo caso il sapore era da sbavo e basta, questa ricetta merita per davvero.

tumblr_opzgqxt2ir1r0awsqo8_540
Un’altra immagine, perché sì. Ma non era riso Carnaroli e si vede.

Domani, se non mi peserà troppo il culo, cercherò di insegnarti a pulire i gamberi e ci faremo una pasta. Questo sarà un grosso level up, poiché i crostacei surgelati non esistono, ricordatelo sempre.

Ciao!