Primi

Pesto di fave

Prima ti elencano tutti gli ingredienti: basilico, olio, lingue di lucertola, pepe, pecorino, antenne di lumaca e un po’ di mentuccia.

Poi chiedi spiegazioni ed arriva la frase: no, ma fai a occhio. 
Magari aggiungono anche un Quando arriva il colore verde acceso ti fermi, è pronto.
E tu ci provi ed invece del verde acceso ti arriva un arancione fosforescente e non saprai mai dove hai sbagliato.

tumblr_oti2qizvcm1rfd7lko1_500
Anni che il papà di Kevin tenta di preparare un pesto.

Questa è la breve storia triste di chi cerca di imparare a preparare un pesto.

Ma Pizzakaiju ti viene in aiuto. O, meglio, è Hanneke a fare tutto il lavoro. Io mi limito a sperimentare, a dirti se funziona o meno e a mettere il mio timbro di validità.

12809523_1119053791460759_2977958636044132776_n
Altro che Bollino Blu.

Quello che stiamo imparando è un pesto di fave, in attesa di passare a quello genovese, per me il più ambito.
Le dosi sono per tre persone, poiché io l’ho mangiato per 2 volte (ma la seconda ero a cena da sola).

Ti serve:

– 150 grammi di fave (come sai, io uso quelle surgelate e ti consiglio di seguire il mio esempio);
– 75 grammi di pecorino toscano semistagionato;
– 1 spicchio d’aglio;
– 70 ml di olio d’oliva;
– 4 foglie di menta;
– pepe nero.

Come pasta di consiglio un formato lungo.

Piccola parentesi per l’olio: dovrebbe essere ovvio, ma è giusto specificare che il peso e il volume non sono la stessa cosa. Quindi se tu mettessi 70 GRAMMI di olio staresti sbagliato. Ti devi troppo procurare un bicchiere graduato.

Parentesi anche per il formaggio: non usare il pecorino romano. È molto salato e completamente diverso da quello consigliato. Io il toscano semi stagionato non l’ho trovato, ma ho acquistato quello sardo (sempre semi stagionato) ed il risultato finale è stato ottimo. Aggiungiamo che pure il formaggio era mondiale di suo, che non guasta.

Che devi fare?
Molto semplice: gratti il formaggio, triti l’aglio e metti tutti gli ingredienti elencati in un contenitore lungo.

tumblr_otnnwbgest1r0awsqo1_540

Ora prendi il tritatutto a immersione e triti.
Cosa è accaduto?
Che si è formata una pappetta, troppo densa. Cosa ho fatto? Ho provato ad aggiungere un po’ d’olio, ma era chiaro che avrei dovuto aggiungerne altri sei litri per arrivare ad una consistenza più liquida. Quindi ho cacciato dentro 2 cucchiai di acqua calda (quella in cui stavo cucinando la pasta, che era pure quella in cui avevo bollito le fase).

Ha funzionato? Assolutamente sì. Una quantità minima di liquido per continuare a tritare e poter formare questo:

tumblr_otnnwbgest1r0awsqo2_540

Probabilmente aggiungere dell’acqua è una bestemmia, per chi il pesto lo sa fare davvero, ma noi siamo qui per tirare giù santi e madonne, quindi credo sia una soluzione adeguata.

Se tu hai consigli migliori illuminami, ma se il tuo consiglio è Raddoppia l’olio, mi sa che continuerò a fare a modo mio.

Dovresti avere ottenuto questo risultato:

tumblr_otnnwbgest1r0awsqo3_540

Aggiungi del pepe direttamente sui piatti  e mangia.

tumblr_mb8xz6szyy1rhi0rbo1_500

La prossima volta parleremo di Asparagi e uova, piatto unico secondo me ottimo.

Ciao!

Primi

Fusilli alla menta e provolone

Era buono, non mi fraintendere. Però c’avevo quella faccia un po’ così, quell’espressione un po’ così che ha chi non è convinto che quel formaggio sia da grattugiare. Perché non è che fosse buono: era spettacolare.

tumblr_oteheccptr1r0awsqo8_540
Quella faccia un po’ così.

Si trattava di un provolone locale, Provolone di Grotta per la precisione. Tu puoi sostituirlo tranquillamente con un Auricchio o, se ti senti spendacciona, con un Provolone del Monaco. Ma qui è estate, i turisti sono miliardi, e per l’occasione i banchi del salumiere sono diventati mondiali e si trovano cose che normalmente col cazzo.

tumblr_oo801mzn4c1rfd7lko2_500
Gente che non la prende bene: perché queste cose solo per i turisti?

Comunque chi ha mangiato con me era veramente euforico, quindi ti do la ricetta. Che si mangia oggi?
Fusilli con menta e provolone.

Per preparare i fusilli con la menta ed il provolone hai bisogno di:

– 180 grammi di fusilli;
– 20 grammi di menta;
– 100 grammi di provolone grattugiato;
– pepe, un paio di cucchiai di olio.

Ciao, mi presento, sono il Provolone di Grotta.

tumblr_oteheccptr1r0awsqo2_540
Ciao, provolone di grotta!

Metti l’acqua della pasta a bollire. Ricordati che, prima di scolare la pasta, devi prelevare un po’ di acqua di cottura. Mettila in un bicchiere, ne userai qualche cucchiaio. Ma a questo arriveremo dopo, è solo uno spoiler.
Grattugia il provolone.

tumblr_oteheccptr1r0awsqo3_540

Spezzetta le foglie di menta e mettile in una ciotola di plastica (grande, la useremo per preparare tutto il condimento).
Mi raccomando: 20 grammi di menta. Che sono tanti. Io purtroppo non ne avevo così tanta, quasi la metà, e la mancanza si è sentita.

Nella ciotola in cui hai messo la menta, aggiungi un paio di cucchiai di olio. Perché? Ero molto titubante su questo passaggio, invece alla fine ringrazierai perché l’unto di fondo ci sta da dio.

tumblr_oteheccptr1r0awsqo1_540
Poca menta e olio.

Aggiungi anche il provolone grattugiato e mescola bene. Aggiusta di pepe.

tumblr_oteheccptr1r0awsqo4_540

Ci siamo quasi.
Prepara la pasta, prima di scolarla conserva qualche cucchiaio di acqua di cottura in un bicchiere.
Caccia la pasta nella ciotola. Mescola bene, aggiungendo un paio di cucchiai di questa benedetta acqua di cottura. Vedrai che il formaggio sparirà quasi del tutto, sciogliendosi.

tumblr_oteheccptr1r0awsqo5_540
Durante l’operazione.

Il risultato non deve essere una zuppa, quindi VAI PIANO con l’acqua. Serve solo a fare sciogliere il formaggio, non dobbiamo fare la scarpetta alla fine. Più o meno devi ottenere questo risultato:

tumblr_oteheccptr1r0awsqo6_540
Impiatta e aggiungi ancora un po’ di pepe, se ti va.

tumblr_oteheccptr1r0awsqo7_540

Domani prepareremo una pasta al forno con gli asparagi. Sarà un po’ laborioso (un’oretta di lavoro), ma niente di complesso. In più ha la mia approvazione al cento per cento, che non guasta.

Ciao!

Primi

Riso nero integrale alla rucola

Roba nuova oggi: riso nero integrale.

Potrei scrivere romanzi di introduzione, leggende riguardanti il colore del cereale ed aneddotoni su quando mio zio Cleto ci portò questa strana pietanza direttamente dall’india, stupefacendo l’intera famiglia.

Invece no. Invece subito la ricetta, che qui c’abbiamo fame.

tumblr_oo7zvp4g1w1rfd7lko1_500
Gente che c’ha fame.

Per preparare del riso con la rucola, per due persone, hai bisogno di:

– 200 grammi di riso nero integrale;
– 125 grammi di rucola (avevo quella in busta);
– un cucchiaio di olio;
– mezza cipolla;
– parmigiano grattugiato grosso da mettere sui piatti.

Già sai che cuocere la rucola è una stronzata. Si ammolla, sparisce e non sa più di niente. Quindi il lavoro sarà breve.

Fai bollire il riso in acqua salata. Ho messo una dose da 200 grammi, leggermente maggiore di quella solita, perché questo tipo di riso non si gonfia. Quello che vedi è.

tumblr_ot83rcizxp1r0awsqo1_540
Ti presento il riso nero.

Quando è pronto, lascialo riposare nello scolapasta per un momento.
In una padella metti un cucchiaio di olio, fai soffriggere la mezza cipolla tritata e poi fai saltare il riso nero per qualche minuto.

tumblr_ot83rcizxp1r0awsqo3_540

Nel frattempo tagliuzza la rucola e gratta il parmigiano.

tumblr_ot83rcizxp1r0awsqo2_540

Spegni la fiamma della padella col riso e aggiungi la rucola. Mescola bene ed impiatta. Dovresti avere ottenuto questo risultato:

tumblr_ot83rcizxp1r0awsqo4_540

Aggiungi anche il parmigiano e mangia:

tumblr_ot83rcizxp1r0awsqo5_540

A me è piaciuto parecchio. L’ho poi rifatto con un misto di verdure, come con questa pasta qui, ma la mia reazione è stata più o meno questa:

tumblr_oqrfetrubd1qgjom6o5_540
Non è andata benissimo.

Se dovessi trovare altri accostamenti validi non mancherò di fartelo sapere.

Domani ti insegnerò a preparare le bruschette col pomodoro, che secondo me è un level up mica da ridere.

Ciao!

Primi

Maccheroni con la ricotta di bufala

La leggenda racconta che Pizzakaiju, stanca del bullismo verso la ricotta di bufala, abbia aperto il blog per difenderla e gridare un deciso NO! al suo martirio.

Sono già presenti due ricette (una con la rucola ed una con le noci) ma mi sembra quasi doveroso mettere quella base, quella con ricotta e basta. Poi non credo ne inserirò più, possiamo affermare di avere esaurito l’argomento.

Se continui a cuocere la ricotta in padella, però, sappi che il karma ti punirà.

house
Karma che non perdona.

Per cucinare i maccheroni con ricotta di bufala, per due persone, hai bisogno di:

– 180 grammi di maccheroni;
– 250 grammi di ricotta di bufala;
– sale, pepe.

Se proprio ci tieni puoi anche aggiungere un cucchiaio di olio, ma io sono contraria.
Iniziamo.

Metti l’acqua della pasta a bollire.
Butta la ricotta di bufala in una ciotola di plastica.

tumblr_ot4v5wwa5b1r0awsqo1_540

Con un mestolo, prendi un po’ d’acqua della pasta e mescolala con la ricotta. Aggiungi poca acqua per volta, poiché non deve venire un liquido. Deve venire una una crema densa. Così:

tumblr_ot4v5wwa5b1r0awsqo2_540

Aggiusta di sale e di pepe, se proprio ci tieni tanto aggiungi un cucchiaio di olio (ma anche no!).
Prepara la pasta e poi cacciala nella ciotola:

tumblr_ot4v5wwa5b1r0awsqo3_540

Mescola bene bene e prepara i piatti, aggiungendo ancora un po’ di pepe. Dovresti avere raggiunto questo risultato:

tumblr_ot4v5wwa5b1r0awsqo4_540
Basta. Ora sei preparatissima sulla questione, non puoi più svaccare e ti puoi godere uno dei formaggi più buoni che l’umanità abbia inventato.

Al prossimo appuntamento prepareremo una cotoletta con prosciutto crudo, parmigiano e pomodoro, che mi dicono chiamarsi alla bolognese anche se non so se è vero. So solo che è facile, veloce e molto buona.

Ciao!

Primi

Orecchiette fresche con fave e piselli

Alla fine, nonostante i cristi e le madonne lanciati contro di loro, le fave si sono riscattate.

Abbiamo già cucinato un contorno e mi era piaciuto parecchio. Questa volta dominano in un primo, accompagnate da piselli e pomodoro. L’unica roba è che le fave io te le consiglio surgelate, perché fresche ti fai un mazzo tanto e potresti anche lavorare tante ore per non ottenere niente di buono.
No, non mi paga La valle degli orti.

tenor
Ma alla fine chi se ne frega se son surgelate o fresche, basta che si mangia. E bene.

Iniziamo.
Per preparare le orecchiette con fave e piselli, per due persone, devi avere:

– 250 grammi di orecchiette fresche;
– 200 grammi di fave;
– 200 grammi di piselli;
– un pomodoro da insalata, piuttosto grande;
– uno spicchio d’aglio, peperoncino, un cucchiaio di olio

Innanzitutto dobbiamo bollire fave e piselli surgelati. Le fave impiegano parecchio (almeno 20 minuti), i piselli pochissimo. Quindi sala l’acqua, metti prima le fave e poi getta dentro pure i piselli, verso fine cottura delle fave. Tira fuori tutto dall’acqua utilizzando la schiumarola, così usi la stessa acqua per cucinare la pasta.

Una volta che piselli e fave sono pronti, in una padella fai soffriggere – nel solito cucchiaio di olio – uno spicchio d’aglio tritato e il peperoncino. Dopo pochi minuti aggiungi i legumi (sono legumi? Va beh, aggiungi fave e piselli, ci siamo capiti).

giphy
Ti stupisci perché non so un cazzo? Davvero?

Taglia il pomodoro a pezzetti ed aggiungi anche lui.

tumblr_ot2h0bzaaj1r0awsqo2_540

Fai cuocere tutto per circa 5-10 minuti, finché il pomodoro si sarà ammorbidito.

Ti fermi quando ha questo aspetto:

tumblr_ot2h0bzaaj1r0awsqo3_540

Prepara la pasta (ricordati sempre di mettere il coperchio sui sughi se non hai ancora raggiunto un livello di coordinazione tra condimento e pasta) e girala in padella insieme a tutto il resto. Se sono riuscita a spiegarmi, dovresti avere ottenuto questo risultato:

tumblr_ot2h0bzaaj1r0awsqo5_540

Secondo me è mondiale e per ora è la migliore sperimentazione con la fava (anche se devo provare ancora la frittata, su cui ripongo tantissime speranze).

Eccomi, mentre slaccio il grembiule per poter sbafare con più comodità:

tumblr_ot2h0bzaaj1r0awsqo4_540
Ma ora che è arrivata la roba del trasloco, ho di nuovo il mio grembiule di superman.

La prossima volta avrai un po’ una ripetizione, perché metterò la ricetta della pasta con ricotta di bufala. Siccome però l’ho sempre quasi cucinata, aggiungendo parmigiano, noci ed altre cagate, mi sembra giusto mettere la ricetta base, quella che mi ha spinto ad aprire questo blog (maledette siano tutte le casalinghe di voghera che cuociono la ricotta).

Ciao!

Primi

Linguine con crema di zucchine e menta.

L’avevo messa per scherzo, perché cucinare col philadelphia è un po’ come preparare gli spaghetti coi wurstel (non ti preoccupare, prima o poi caccerò pure quella ricetta). Ma siccome sono tra amici e i visitatori di pizzakaiju’s land in cucina sono buffoni quanto me, in molti (che in molti, sempre a pizzakaiju’s land, significa ben DUE) mi avete mandato la foto del vostro nuovo piatto preferito.

Era buono, giusto? Hai sopportato la derisione di mamme e prozie e tollerato i quasi attacchi di cuore delle nonne perché quello manco è un formaggio che cazzo ti mangi, sapendo che erano loro a non capire niente?

tumblr_osns1oyzyc1umk4ogo1_400
E vogliamo parlare di zio Cleto, che s’è addirittura trasformato in lupo mannaro ed ha cercato di azzannarti?

Ed ora te lo dico: quella pasta col philadelphia e zucchine era buona, ma io posso fartela evolvere a quasi mondiale.

tumblr_ommxx7wk3p1tk7m95o3_540
Non mi credi, eh?

Ho rubato la ricetta da Mastercheffa e le uniche modifiche che ho apportato sono quelle delle dosi: ho usato le stesse, solo che ci ho condito una pasta per due persone.

Non avrai bisogno di frullatore per preparare la crema, ma solo di una grattugia con i buchi larghi. E sia ringraziato Amon, perché il mio mixerino (insieme al forno, la mezzaluna, il frullatore, la centrifuga, la macchina del caffè e la mia gamba di legno) sono ancora nelle scatole del trasloco.

Per preparare le linguine con crema di zucchine e menta per due persone devi avere:

  • 180 grammi di linguine;
  • 300 grammi di zucchine;
  • 120 grammi di philadelphia (ma puoi arrivare anche a 180, come al solito non ho preso appunti ma possiamo andare ad occhio);
  • qualche cucchiaio di latte;
  • sale, pepe, un cucchiaio d’olio;
  • un po’ di foglie di menta (15 circa).

Cominciamo!

Metti l’acqua della pasta a bollire.
Intanto lava le zucchine, taglia loro il culo e grattale usando i buchi grossi della grattugia.

tumblr_osxa6mvx311r0awsqo1_540
Usa la testa della zucchina per arrivare fino in fondo e non grattugiarti anche la mano.

Prendi una padella, fai scaldare un cucchiaio d’olio e poi gettaci le zucchine grattugiate. Falle cuocere per 20 minuti a fiamma medio bassa.

tumblr_osxa6mvx311r0awsqo2_540

Intanto in un’insalatiera di plastica metti il philadelphia, aggiungi il latte (a cucchiai, un po’ per volta, quanto basta per creare la consistenza che ti occorre), il pepe e mescola, formando la crema.

tumblr_osxa6mvx311r0awsqo3_540
Questa volta ho usato una ciotola colorata per cercare di farti vedere la consistenza.

Non deve essere liquida, né densa. Se ti sembra che 120 grammi siano pochi, come ben sai puoi aggiungerne ancora.

Quando le zucchine sono quasi pronte, aggiungici la crema e lascia cuocere un altro paio di minuti, mescolando bene.

tumblr_osxa6mvx311r0awsqo5_540

Tagliuzza la menta (che spero per te possa trovare al supermercato, io l’ho colta in giro, sotto questo sole, bello pedalare, eh, ma c’è da sudare).

tumblr_osxa6mvx311r0awsqo4_540

Uniscila al condimento, che ormai avrai anche spento.
Quando è pronta la pasta butta pure lei in padella, mescola bene e impiatta, spolverando di pepe nero. Dovresti avere raggiunto questo risultato:

tumblr_osxa6mvx311r0awsqo6_540

Mondiale. O quasi, dai.

La prossima volta prepareremo una maxi frittata di asparagi e prosciutto cotto.

Ciao!

Primi

Penne con asparagi e pomodorini

Con trenta gradi all’ombra la voglia di imparare qualcosa di nuovo è praticamente nulla, quindi oggi ti presento una ripetizione della celebre pasta con gli asparagi, con l’aggiunta di pomodorini.

E sappi che mi sto sacrificando pure con questa ripetizione, perché la mia mente è iper concentrata in una lotta contro un mostro marino, in risen 3. Gameplay allammmerda, nave pesante come un macigno e pesce gigante (ottimo alla griglia, senz’altro) che a codate mi spezza la barca. Ed io qui, a parlare di asparagi.

tumblr_or8eykbjps1vaqoiqo1_500
Reazione comprensibile, dopo tre pomeriggi passati a sparare ad un mostro acquatico.

Per preparare la pasta con pomodorini e asparagi, per due persone, hai bisogno di:

– 180 grammi di penne;
– 400 grammi di pomodorini ciliegini;
– 300 grammi di asparagi surgelati;
– uno spicchio d’aglio, un cucchiaio d’olio;
– parmigiano (o pecorino, se proprio vuoi) da mettere sui piatti.

Come ben sai, me ne fotto di far rimanere le punte di asparagi intatte. Prossimamente useremo anche gli asparagi freschi, ma per ora mi è sempre pesato parecchio il culo.
Cominciamo!

tumblr_oq4xhzkyvd1rrm03lo1_400
Esaltazione all’idea di una nuova, incredibile, ricetta.

Metti a bollire l’acqua per cuocere gli asparagi. Mettici il sale e aspetta le bolle, poi cuoci gli asparagi per il tempo indicato sulla confezione.
Tirali fuori con la solita schiumarola (ma non buttare l’acqua, poiché è qui che cuoceremo la pasta), cacciali sul tagliere e tagliali a pezzetti.

tumblr_oq4zdki91s1r0awsqo3_540
Riciclare foto da vecchie ricette.

Intanto in una padella fai soffriggere in un cucchiaio d’olio l’aglio tritato. Mentre attendi, taglia i pomodorini a pezzetti e poi butta pure loro in padella.

tumblr_ostmmmckxb1r0awsqo1_540

Cuocili per un po’ (cinque minuti o giù di lì) e poi aggiungi anche gli asparagi.

tumblr_ostmmmckxb1r0awsqo2_540

Lascia cuocere fino a quando non si forma una specie di sughetto (all’incirca altri cinque o dieci minuti). Aggiusta di sale (e, se vuoi, di pepe).
Il risultato deve essere questo:

tumblr_ostmmmckxb1r0awsqo3_540
Prepara la pasta e caccia pure lei in padella, mescola bene, impiatta e cospargi col formaggio grattugiato.

Siccome sono un genio, non ho la foto del piatto finito.

Prossimo appuntamento: un risotto al pomodoro, un po’ piccante.

Ciao!

Contorni, Insalate, Secondi, Secondi di mare

Insalata di patate e salmone affumicato + calamaro alla piastra

Mentre ascolto Jovanotti e non c’ho voglia per niente di aggiornare perché è uscito il nuovo numero di Spider-man e non vedo l’ora di potermelo leggere, penso che non vi meritate tanto ozio e quindi niente, mi tocca: ricetta serale. Sgrammaticata, a ritmo di musicadimmerda che però a me piace e quindi non mi rompete.

schermata_2015-06-25_a_15.41.41.png
Da grande voglio essere così.

E vi dirò di più: mi piace pure Vasco Rossi. E ringraziate Amon che mi faccia cagare almeno Ligabue, sennò vi linkavo troppo Urlando contro il cielo, magari in versione Spot della Smemoranda (roba che ricordo solo io, dato che sul tubo non esiste).

tumblr_or8f55pjxf1vaqoiqo1_400
Nel suo audiolog, Scotty ha cantato Sally a squarciagola, con tanti eeeeeeeeh urlati tra le lacrime.

Che cuciniamo? Un’insalata di patate e salmone affumicato da abbinare ad un calamaro alla griglia/piastra/chiamalacomevuoi.

Per preparare il tutto, per due persone, hai bisogno di:
– 2 calamari;
– qualche cucchiaio di olio;
– 150 grammi di salmone affumicato;
– 500 grammi di patate;
– una buccia di limone;
– prezzemolo, pepe, sale.

Inizia lessando le patate. Devi lavarle, pelarle e tagliarle a pezzetti. Poi le metti in acqua fredda (col sale), aspetti che l’acqua inizi a bollire e conti circa 8 minuti. Controlla comunque lo stato di cottura con una forchetta, poiché dipende dal tipo di patata e dalla grandezza dei cubetti. Ma questi sono circa i tempi per lessarle.

tumblr_osmnoxmm1c1r0awsqo2_540
Tocchetti grandi così, nel mio caso.

Mentre attendi le patate, grattugia la buccia del limone.

In una tazzina metti un paio di cucchiai di olio, il prezzemolo tritato, il pepe ed il sale. Tu chiamala, se vuoi, emulsione.

tumblr_osmnoxmm1c1r0awsqo1_540

In una insalatiera caccia tutti gli elementi: le patate bollite, la buccia del limone, l’emulsione e il salmone affumicato tagliato a pezzetti.
Se risulta troppo secca, aggiungi ancora un cucchiaio di olio. Dovresti avere ottenuto questo risultato:

tumblr_osmnoxmm1c1r0awsqo3_540

Adesso passiamo al calamaro, che tanto l’insalata più è fredda e meglio è.
Ecco la bestia:

tumblr_osmnoxmm1c1r0awsqo4_540
Non devi fare niente, perché ci pensa il pescivendolo a pulirteli. Quello che devi fare è mettere un cucchiaio di olio sulla piastra, alzare la fiamma al massimo e, quando è roventissima, cacciare sopra il calamaro. Bastano pochissimi minuti per prepararlo e meno cuoce e meglio è, sennò si indurisce.

Ti posto qualche immagine per farti comprendere l’operazione. Il tuo compito è solo quello di girarlo per diverse volte.

tumblr_osmnoxmm1c1r0awsqo5_540

tumblr_osmnoxmm1c1r0awsqo6_540

tumblr_osmnoxmm1c1r0awsqo7_540
Ora è proprio pronto.

Penso che le foto spieghino meglio di ogni mia parola del menga. Si sbruciacchia, si piega su se stesso, ma non cambia più di tanto colore. 2 o 3 minuti  per lato dovrebbero essere più che sufficienti.

Ed ecco il nostro piatto:

tumblr_osmnoxmm1c1r0awsqo8_540
Roba che al ristorante ti chiedono 18 euro così, per crudeltà.

Al prossimo aggiornamento prepareremo un altro contorno: fave e pancetta.

Ciao!

Primi

Orecchiette al pomodoro con cacioricotta

C’era gente che non ci credeva. Che ha mostrato tutto lo scetticismo possibile, facendo le facce brutte e scontente. Sìsì, una stupida pasta al sugo, dirai tu. Sisi, ma vuoi mettere con la cacioricotta?

tumblr_osgmij1qwn1r0awsqo1_540
Gente che proprio non ci credeva.

Invece la Cacioricotta ha spaccato i culi, talmente era mondiale. Talmente mondiale che l’ho usata per due giorni di seguito per due ricette diverse.

Ovvio che ognuno ha quel che si merita ed io non so bene come cacchio fare per indicarti in modo preciso quale formaggio comprare. Sul mio c’era proprio scritto CACIORICOTTA ed io mi immaginavo un formaggetto del menga, insapore. Invece era quasi piccante, un gusto della madonna, salato il giusto e né morbido né duro. Insomma: il formaggio perfetto. 

Per preparare le orecchiette al pomodoro e cacioricotta hai bisogno di:

  • 250 grammi di orecchiette fresche;
  • uno spicchio di aglio, basilico, un cucchiaio d’olio, sale;
  • un barattolo di pelati;
  • cacioricotta (parecchia, da grattare sui piatti).

Metti a bollire l’acqua della pasta.
In padella fai soffriggere lo spicchio d’aglio tritato in un cucchiaio d’olio, poi aggiungi i pelati. Fai cuocere il sugo per un po’, aiutando i pelati a spappolarsi (usa un cucchiaio di legno).

tumblr_osgmij1qwn1r0awsqo2_540
Il cucchiaio di legno.

Nel frattempo spezzetta il basilico e gratta un po’ di cacioricotta. Usa i buchi grandi della grattugia, perché – come dovresti avere già imparato – più polverizzi il formaggio e più sa d’un cazzo. In questo caso la cacioricotta è la protagonista del piatto, non un personaggio secondario.

tumblr_osgmij1qwn1r0awsqo6_540
Ne ho usata circa la metà.

Quando il sugo è quasi pronto (ricordati di aggiustare di sale), cala la pasta e poi passala in padella insieme al basilico spezzettato. Se il sugo è appena spento, non accendere la fiamma. Se hai preparato il sugo da un po’, riaccendi un paio di minuti prima di buttarci dentro la pasta.

Nel caso tu ancora non avessi imparato i tempi dei sughi e tendessi a preparare prima loro e poi a calare la pasta, non c’è problema: l’essenziale è che ti ricordi di mettere il coperchio sopra il sugo pronto, sennò si rovina. Se invece sei più lento e prepari la pasta in anticipo sono cazzi, quindi evita. 

tumblr_osgmij1qwn1r0awsqo3_540

Dividi tutto nei piatti in parti uguali, come fanno tutti i buoni cristiani.

tumblr_orz50gcgll1qzjw8go1_500
Buoni Cristiani.

Direttamente sui piatti versa una quantità immonda di cacioricotta, poi strafogati.

tumblr_osgmij1qwn1r0awsqo5_540
E poi ne ho messa dell’altra, eh.

Finito.
La prossima ricetta sarà un risotto con le fragole. Non so se riuscirai a prepararlo (ormai qui non le vendono quasi più) ma al massimo sai come occupare il tempo nel 2018. Il risotto con le fragole si può fare in tanti modi, questo non so se sia quello definitivo ma il risultato è stato ottimo, quindi merita di essere postato.

Ciao!

Primi

Trofie con pomodorini freschi e basilico.

Mi sono svegliata alle quattro e mezzo del mattino per fare uscire il gatto, poi mi sono alzata alle sette e mezzo, palestra per tre ore ed ora c’ho una fiacca totale. Da innumerevoli minuti fisso lo schermo del pc, senza trovare niente di intelligente da scrivere. Che faccio, ti racconto una barzelletta?

battuta.JPG
Grasse risate.

Forse è meglio smettere di provarci e passare subito alla ricetta del giorno.

Stranamente ho cucinato per una persona, ecco gli ingredienti per le trofie con pomodorini e basilico:

  • 125 grammi di trofie fresche (o fusilli, che non capisco che cazzo ho usato);
  • uno spicchio d’aglio;
  • 300 grammi di pomodorini ciliegini;
  • peperoncino, sale, un cucchiaio d’olio;
  • parmigiano grattugiato da mettere sui piatti, a scaglie grosse.

Metti l’acqua della pasta a bollire.
Pulisci i pomodorini e tagliali a pezzetti.

Dritta anti-verme: se decapiti i pomodorini (tagli l’estremità con il rametto o le fogliette, per capirci), puoi evitare di aggiungere proteine animali al tuo sugo. Non tutti sanno che i vermetti amano scavare nel pomodoro e di solito si annidano proprio in quel punto. Spesso si vedono i buchi nella parte esterna del frutto (perché lo sai, vero, che il pomodoro è un frutto?), ma non è una regola.
Quindi decapita i pomodorini, sempre. D’accordo?

tumblr_oqnx326koe1sotcslo3_540
E non spoileratemi che sono indietro di tre episodi.

In una padella di cui possiedi il coperchio metti un cucchiaio d’olio e fai soffriggere lo spicchio d’aglio tritato ed il peperoncino.
Dopo pochi minuti aggiungi anche i pomodorini.

tumblr_os7fhlyvsk1r0awsqo1_540

Copri e fai cuocere a fuoco medio per una decina di minuti (ogni tanto controlla il loro stato e girali, non deve diventare un sugo secco). Se occorre, aggiungi dell’acqua di cottura della pasta (io non l’ho fatto, ma dipende dalla quantità di liquido dei pomodori).

tumblr_os7fhlyvsk1r0awsqo2_540
Se non hai il coperchio, fai come me e arrangiati.

Trascorsi i dieci minuti spegni la fiamma e lascia coperto. Dovresti avere ottenuto un risultato simile a questo:

tumblr_os7fhlyvsk1r0awsqo3_540
Aggiusta di sale. Prepara la pasta, versala poi in padella e fai amalgamare gli ingredienti.
Direttamente sui piatti metti il basilico a pezzetti:

tumblr_os7fhlyvsk1r0awsqo4_540
Infine cospargi col parmigiano grattugiato.

tumblr_os7fhlyvsk1r0awsqo5_540

Buon appetito!
Domani Lo Chef Presenta: centrifuga di ananas, mela e carote. Tutto quasi senza foto perché sono una testa di cazzo. Ciao!