Panino con speck, zucchine e ricotta.

L’avevo detto che avrei aperto la rubrica dei panini.

tumblr_nl00vemub21t1cmybo1_1280

Mangialo prima che lui mangi te, ottimo slogan.

Una roba che non è una porcata e che ti riempirà lo stomaco fino a sera senza dover per forza pasticciare con cioccolata, biscotti e cinghiali fritti.

Le dosi che ti sto per fornire sono per due persone, ma nel procedimento assemblerò un panino solo. So che questo ti fa andare in tilt il cervello, ma sono anche sicura che ce la possiamo fare.

problemi

Noi, che abbiamo una mente matematica allenatissima.

Partiamo.
Go, go, go! 

Per preparare due panini con speck, ricotta e zucchine hai bisogno di:

  • 2 panini tartaruga (o rosette). Se compri dei panini giganti però le dosi le devi arrangiare, eh. Tipo uno sfilatino di sei metri;
  • 300 grammi di zucchine abbondanti;
  • 100 grammi di speck;
  • 200 grammi di ricotta. Di mucca, di bufala, di gallina… quella che ti piace di più;
  • un cucchiaio d’olio, un po’ di sale e del pepe, se lo vuoi.

Taglia le zucchine.

giphy1

O fatti aiutare, se non riesci.

Devi ridurle a rondelle non troppo spesse, se possibile più o meno di grandezza uguale per avere una cottura omogenea. Se non è possibile, fa niente.

tumblr_p5q3nyoruo1r0awsqo1_1280

Foto artistiche.

In una padella fai scaldare un cucchiaio d’olio e poi caccia dentro la verdura.

tumblr_p5q3nyoruo1r0awsqo2_1280

Fai cuocere a fiamma media dai 10 ai 15 minuti, finché sono cotte senza essere sfatte. Gira spesso.
Devono essere circa così:

tumblr_p5q3nyoruo1r0awsqo3_1280

Aggiungi un po’ di sale e del pepe.

Il più è fatto, perché ora si parte con l’assemblaggio del panino.

tumblr_p5q3nyoruo1r0awsqo4_1280

Ai posti di manovra!

Taglia il panino in due parti. Se anche tu non adori la mollica, strappala via con le mani.
Spalma 50 grammi di ricotta su una parte di panino e altri 50 sull’altra.
Se la ricotta dovesse essere molto buona (magari di bufala, super saporita), puoi anche ridurre le dosi. Questa volta era sì buona, ma vaccina e purtroppo un po’ duretta causa freddo. D’estate sarebbe stata mondiale e più facilmente spalmabile, quindi avrei diminuito la quantità (altrimenti copre il gusto dello speck).

tumblr_p5q3nyoruo1r0awsqo6_1280

Ricotte un po’ solide.

Ricopri una fetta di pane con 50 grammi di speck.

tumblr_p5q3nyoruo1r0awsqo7_1280

Infine aggiungi metà delle zucchine che hai preparato (ricordati che stiamo preparando due panini, non essere ingorda).

tumblr_p5q3nyoruo1r0awsqo8_1280

Se lo desideri puoi aggiungere del pepe e dell’altro sale, ma a me piaceva già così.

Chiudi il panino.

tumblr_p5q3nyoruo1r0awsqo9_1280

Ed ora mangia!

tumblr_p5q3nyoruo1r0awsqo10_1280

Buonissimo e persino salutare, chi l’avrebbe mai detto.
Guarda che bellezza:

tumblr_p5q3nyoruo1r0awsqo5_1280

Diocristo, che fame.

Secondo me lo chef ti ha presentato un bel pranzetto, proprio sì. Me ne mangerei un altro pure adesso e sono solo le otto e mezza del mattino.

Ciao e buon appetito!

Toast piastrati, con brie, miele e noci.

Ma di giorno che si mangia?

Perché la sera qui ci si sfonda, ma il pranzo è sempre un po’ improvvisato. Pizzette più o meno surgelate, creme alla nocciola spalmate un po’ ovunque e scatole di biscotti a pioggia.
Ma ogni tanto di trangugiare cagate non è che ho tanto voglia, anche perché a furia di sperimentare si incappa pure in tanta roba schifida.

tumblr_otw2sr2skm1vbcnq8o1_500

La Kinder ha fatto la nuova colla al pistacchio! Devo averla!

Pure il panino col prosciutto. Buono, eh, ma dopo cento volte anche che palle.

Quindi ho deciso di riesumare la rubrica de Lo chef presenta, per fornirti qualche idea pomeridiana. Quella roba da mangiare mentre guardi Bim Bum Bam o l’Uomo Tigre, per intenderci. Ed oggi ti presento dei toast alla piastra semplicissimi e tanto, tanto buoni.

tumblr_olp3dgbeaf1rfd7lko1_500

Che c’è in questo panino? Uova? Frittata? La signora deve cacciare la ricetta!

Per preparare dei toast piastrati con brie, noci e miele, per due persone, hai bisogno di:

  • 4 fette di pane in cassetta. Compra quello che vuoi, in questo caso io avevo il panbauletto ai 5 cereali. Non usare solo quelli per toast, che sono troppo sottili;
  • 100 grammi di brie. Se riesci a fartelo tagliare a fettine dal salumiere, bene. Altrimenti le tagliamo alla casereccia, che è anche meglio;
  • qualche noce a testa. Diciamo che ne prendi una quindicina e poi al massimo avanzano;
  • miele. Pochissimo, tipo un cucchiaino a testa. Quale? Io purtroppo avevo il millefiori, ma se tu possiedi il castagno è molto meglio: meno dolce, con gusto più deciso.

Go, go, go!

tumblr_oi7loq9pig1rnj90no10_12801

Tipico esempio di roba che potrei mangiare a pranzo, solo perché le lattine sono bellerrime.

Inizia preparando i condimenti.

Rompi le noci e tagliale a pezzetti non molto piccoli, con le mani.

tumblr_p5mu5zg1nd1r0awsqo1_1280

Queste sono tante, sono avanzate.

Taglia a fettine il brie. Non ti preoccupare se vengono di merda, tanto non cambia niente.
Ah, la buccia si mangia.

tumblr_p5mu5zg1nd1r0awsqo2_1280

Prendi una padella molto antiaderente (quelle con cui prepari le uova o le crepes) e scaldala, fiamma medio alta.
Appena è rovente adagia sopra il pane. Senza aggiunta di grassi, non ce n’è bisogno.
Giralo spesso e quando tutte le fette sono belle colorate, spostale su un piatto.

tumblr_p5mu5zg1nd1r0awsqo3_1280

Assembliamo!
Prima il formaggio:

tumblr_p5mu5zg1nd1r0awsqo4_1280

Poi le noci:

tumblr_p5mu5zg1nd1r0awsqo5_1280

Infine è la volta del miele. Non devi coprirci tutto, solo mettere delle gocce qui e là. Poi va a gusto, se a te piace super dolce, libera.

Ecco il mio piccolo capolavoro:

tumblr_p5mu5zg1nd1r0awsqo6_1280

Ed ecco il Kaiju mentre divora il suo pranzo-merenda radioattivo:

tumblr_p5n6ysgpyl1r0awsqo1_1280

Ciao e buon appetito!

Alle quattro e mezza tutti a gustarsi Bim Bum Bam ed un bel panino alla Mel Gibson (dal retrogusto leggermente antisemita).

Sì, non sono manco le nove del mattino ed io già sto pensando al cibo.

tumblr_ol15ztjups1rfd7lko1_500

Saggezza ebrea.

L’avevo detto che ti avrei presentato dell’altra monnezza improbabile ed oggi manterrò la promessa. Andando controcorrente, sbattendomene della moda imperante del mangiare sano, senza ciccia, senza olio, senza coraggio.

tumblr_ol357sale51rfd7lko1_500

Altra saggezza ebrea.

Sì, oggi Lo chef presenta un altro panino col burro d’arachidi.
Ormai l’ho messo un po’ ovunque. Ho provato pure quello di Elvis, con banana e bacon, il tutto rifritto nel burro. So che mi invidi, ma no: fa schifo, fidati.

Intanto stavo guardando – annoiandomi a morte – Air America dove Mel Gibson interpreta un pilota americano. Ad un certo punto nomina questo panino immondo che io dovevo per forza provare.

Sull’accostamento maionese e burro d’arachidi garantisco io.
Ma il salame? Bisogna solo scegliere quello giusto. So che a noi ci piacciono quelli belli stagionati, duri, che si masticano a lungo. Però in questo caso non vanno bene.
Il salame da usare è di quelli a pasta morbida, cicciosi, che si sciolgono in bocca. In una parola: l’ungherese.
E se scegli il salame giusto, il risultato è ottimo.

Prendi un paio di coltelli, il pane in cassetta e cominciamo.
Go, go, go!

Con la lingua di fuori, talmente secondo Mel è un Cristo di panino.

Per preparare un panino alla Mel Gibson (dal retrogusto un po’ antisemita) hai bisogno di:

  • 2 fette di pane in cassetta. PanBauletto o robe del genere;
  • 20 grammi di burro d’arachidi. Ormai uso quello fatto in casa e la ricetta la trovi qui.;
  • 20 grammi di maionese;
  • 20 grammi di salame ciccioso, scioglioso e grassoso. L’Ungherese.

Quel che conta è che la quantità degli ingredienti sia sempre di pari peso, altrimenti il gusto non è equilibrato.

Prendi appunti, che la ricetta è proprio complessa.

Su una fetta di pane spalma il burro d’arachidi.

Sull’altra fetta di pane spalma la maionese.

Distribuisci il salame su una fetta.

Chiudi il panino, schiaccialo bene con le mani per fare aderire le due parti.

Mangia, domandandoti ad ogni boccone Ma è buono? e risponditi di sì.

Grazie, Mel Gibson!
Tranquilla, non sarà l’ultimo pezzo della rubrica Garbage Pail Kids.

Ciao e buon appetito!

os7_251a

A presto!