SuperToast con crema di funghi e scamorza, per addormentarsi davanti a Capitan Planet e i Planeteers.

Te lo dico subito: mi sono mangiata questo toast gigante a pranzo e poi praticamente sono arrivata a cena con zero fame.

tumblr_p6mmfedwdk1xojtzko1_250

Eh, fino ad un certo punto: a me piace cenare.

Non so manco il motivo, perché pure se era un bel paninazzo non è che fosse colmo di roba. Do la colpa alla scamorza affumicata cotta. O quello o non sono più la mangiatrice di un tempo e non voglio arrivare a certe conclusioni devastanti.

tumblr_p75lavlmdg1vehep5o1_500

Il Pizzakaiju digerisce anche ogni roba del multiverso, non scherziamo.

Il mio consiglio è di pappartelo a cena, una di quelle sere in cui non c’hai voglia di fare niente senza però arrenderti di fronte alla spinacina scaduta da 15 giorni.

Quindi Go, go, go! con una ricetta facilissima.

31162265_1965702460120068_98576774636091086_n

Non facile come questa, ma quasi.

Per preparare tre SuperToast giganti con crema di funghi e scamorza hai bisogno di:

  • fette di pane. Ho usato gli American Sandwich della Morato e mi sono trovata bene;
  • 300 grammi di funghi. Quelli che ti pare, basta che siano freschi. Io ho scelto i Pleurotus;
  • circa 130 grammi di scamorza affumicata. Misura ovviamente soggetta a modifiche, va a gusti;
  • prezzemolo, sale, pepe;
  • 20 grammi di burro;
  • 150 grammi di latte.

Ti ricordo che ogni tipo di fungo ha una gestione differente. Gli champignon e i pleurotus non devono essere sciacquati sotto l’acqua, al massimo puoi tamponarli con uno straccio umido. Con gli altri devi googlare, poiché non sono azzurra di funghi.

Taglia a pezzetti i funghi.

tumblr_p7l3mtgwya1r0awsqo1_1280

In una padella metti 20 grammi di burro, falli sciogliere a fiamma medio bassa, poi caccia dentro i funghi.

tumblr_p7l3mtgwya1r0awsqo2_1280

Fai cuocere a fiamma media. Non ci vorrà molto, intorno ai 10 minuti. 
Nel frattempo trita il prezzemolo e taglia a pezzetti piccoli e piuttosto sottili la scamorza.

Ecco che aspetto hanno i funghi da cotti:

tumblr_p7l3mtgwya1r0awsqo3_1280

Abbassa la fiamma al minimo e preleva metà dei funghi con un cucchiaio. Mettili in un contenitore adatto all’utilizzo del mixer ad immersione.
Aggiungi nel contenitore anche i 150 grammi di latte.

tumblr_p7l3mtgwya1r0awsqo4_1280

Frulla tutto.
Rovescia la crema ottenuta nella padella dove stanno continuando a cuocere i funghi.

tumblr_p7l3mtgwya1r0awsqo5_1280

Mescola bene e prosegui la cottura a fiamma bassa, giusto per un paio di minuti. Il tempo di fare amalgamare bene gli ingredienti e di fare evaporare un po’ di liquido nel caso la crema fosse troppo morbida.

Spegni la fiamma ed ecco cosa dovresti avere davanti:

tumblr_p7l3mtgwya1r0awsqo6_1280

Assaggia ed aggiusta di sale e di pepe.

Prima di assemblare i panini, prendi una padella antiaderente e scaldala a fiamma alta.

Spalma la crema di funghi su una fetta di pane. Non esagerare tantissimo con la quantità, perché poi fuoriesce dal panino durante la tostatura. Cospargi con del prezzemolo.

tumblr_p7l3mtgwya1r0awsqo7_1280

Ricopri con la scamorza a fettine o a pezzetti.

tumblr_p7l3mtgwya1r0awsqo8_1280

Richiudi con un’altra fetta di pane semplice.
Ripeti l’operazione per tutti i panini.

Adagia i panini ottenuti sulla piastra, che ormai sarà rovente.

tumblr_p7l3mtgwya1r0awsqo9_1280

Fai pressione con una mano, per fare aderire bene le due parti del panino.
Con l’aiuto di una spatola gira il pane un paio di volte, basteranno  un paio di minuti di cottura per parte (ma anche meno, dipende quanto lo vuoi bruciacchiato). Usa sempre una fiamma alta.

Ecco il mio:

tumblr_p7l3mtgwya1r0awsqo10_1280

Mangiatelo caldo, che poi il pane si ammolla ed è un peccato.
Poi vai davanti a Capitan Planet e i Planeteers per addormentarti durante la digestione.

captain_planet_by_goldsilverbronzekid-db5oo89

Go, go, go!

Ciao e buona merenda!

Un’altra foto, perché è bella.

Pubblicità

Il panino col formaggio dasssù (ma pure dagggiù, se capita).

Se c’è qualcuno qui che pensa che preparare panini sia una roba che già ha rotto le balle, ecco la risposta più adeguata:

10392335_939976872701786_710346470073021555_n

Bravo Harry, sei sempre la nostra ultima speranza.

Che poi mica volevo davvero prepararne un altro. Però avevo un sacco di roba avanzata nel frigo e, soprattutto, il corriere mi ha portato il pacco dasssù.

Le leggende narrano da sempre le avventure fantastiche dei pacchi dagggiù, colmi di mozzarelle, ricotte di bufala, freselle, pistacchi, capperi ed altri cibi mai visti nelle Terre del Nord.
Ben pochi i menestrelli che si prodigano nel raccontare le gesta dei pacchi dasssù, purtroppo. Zeppi di taleggi puzzosi, formaggi stagionatissimi, polenta e pizzoccheri.

tumblr_p61xhbskdp1r0awsqo10_1280

Il mio pacco dasssù. C’è pure una moneta di cioccolata, gigante. Per ricordarti che il tempo è danaro, che in polentonia è un detto importantissimo.

Due giorni fa mi ero pappata un panino con insalata, maionese e pomodoro. Buono, per carità, però si poteva migliorare.

tumblr_p61xhbskdp1r0awsqo1_1280

Ecco il panino buono, per carità.

E quale modo migliore per levellarlo se non aggiungere un formaggetto arrivato proprio dalle Lande del Settentrione? Soprattutto se poi si tratta della Formagella di Tremosine che già avevo adorato quest’estate.
Eccola:

tumblr_p61xhbskdp1r0awsqo3_1280

13,90 al chilo.

Chiaro che la puoi sostituire, come la sostituirò io appena sarà finita (tra cinque o sei minuti). Magari con una caciottina fresca o una cacioricotta caprina, ottime pure loro.
Però, ecco, per una volta fammi fare la figura della fashion blogger che usa il tartufo dell’himalaya, arrivato con un cestone pregiatissimo confezionato a mano da un esquimese bambino con un occhio solo. Che bontà, signora mia, che bontà. Non a chilometro zero, si capisce, ma sa com’è.

Che poi potrei dirti Prendi tutto e fai il panino, ma mai nulla è davvero così facile.

tumblr_p5svik5ed01wzvt9qo1_1280

E pure coi sandwich uno non è che sta proprio a capa leggera.

Quindi tutti ai posti di manovra!
E vestiti pesante pure se fa caldo, che qui stiamo omaggiando Polentolandia, non è che si può cucinare in mutande.

tumblr_p61xhbskdp1r0awsqo2_1280

La giusta tenuta da cucina.

Iniziamo.
Go, go, go!

Ed il panino, come lo chiamiamo?
Ovvio, lo chiamiamo Il panino col formaggio dasssù.

Per preparare un panino col formaggio dasssù hai bisogno di:

  • un panino. Tipo rosetta o tartaruga. Purtroppo in casa avevo solo del pane bianco in cassetta, ma non è molto adatto: il pomodoro tende ad inzupparlo subito e se non mangi a velocità supersonica ti si spappola in mano. Buono, eh, ma meglio il panino da fornaio;
  • 150 grammi di zucchine;
  • una bella fettina di formaggetto dasssù, intorno ai 70 grammi. Magari un po’ di più se il pane è grande grande;
  • 15 grammi di maionese. Non di più, sennò rompe solo i coglioni;
  • Un paio di fette di pomodoro. Intorno ai 150 grammi;
  • 3 foglie di lattuga;
  • un cucchiaio d’olio per cuocere la zucchina.

Taglia a fettine la zucchina.
Metti un cucchiaio d’olio in una padella e fai andare la zucchina per una decina di minuti, a fiamma medio alta, fino a quando è bella colorata. Non salarla, non c’è bisogno.

tumblr_p61xhbskdp1r0awsqo4_1280

Lava insalata e pomodoro. Taglia il pomodoro a fettine, strappa a metà le foglie di insalata.
Dividi il panino in due parti e, se non ti piace, togli un po’ di mollica superflua.

Ora si farcisce.
Su una parte metti i 15 grammi di maionese, sull’altra adagia insalata e pomodoro:

tumblr_p61xhbskdp1r0awsqo5_1280

Adesso è la volta del formaggio dasssù:

tumblr_p61xhbskdp1r0awsqo6_1280

Le zucchine sono pronte?
Cacciale sopra la maionese:

tumblr_p61xhbskdp1r0awsqo7_1280

Infine chiudi il panino e ammiralo:

tumblr_p61xhbskdp1r0awsqo8_1280

La bellezza.

Ok, penso che l’abbiamo adorato abbastanza.
Puoi sederti e mangiare:

tumblr_p61xhbskdp1r0awsqo9_1280

Gnam.

Come forse hai notato, non ho messo sale. Secondo me maionese e formaggio sono abbastanza sapidi da non avere necessità di altro che, semmai, coprirebbe i sapori. Sapori mondiali, aggiungerei.

Ciao e buon appetito!

Panino mozzarella e pomodoro.

Oggi ti stupirò con effetti speciali.

tumblr_p5lp1rndgp1vg9m1ro2_540

Spoiler: saranno in pessima CGI.

Sto per mettere una roba che chiamarla ricetta fa ridere, ma chi cazzo ha detto che per mangiare da dio bisogna per forza cucinare sei ore?
E poi ti salvo da quel pranzo pieno di grassi e ciccia che stavi per ingurgitare.

tumblr_p36m84vt1l1v4pf8xo1_540

Se esistesse la marca Make Fat, di sicuro sarebbe la mia preferita.

Grazie a questo panino con mozzarella e pomodori ho evitato di mangiare dolcini, non ho vanificato le mie trecento ore di palestra quotidiane e mi sento pure bene.
Ogni tanto bisogna giocare ai salutisti, così, per vedere l’effetto che fa.

tumblr_p5qznuv38s1r8177lo7_r1_400

E lascia stare quei cioccolatini.

Bene. Ho messo le mie tre gif giornaliere e scritto abbastanza stronzate, posso iniziare.
Go, go, go! 

Per preparare un panino con mozzarella e pomodoro hai bisogno di:

  • un panino. Dopo vari tentativi posso dire che è meglio un panino lungo (tipo sfilatino) da croccare bene (sennò il pane si ammolla)
  • 100 grammi di mozzarella di bufala;
  • 150 grammi di pomodori;
  • origano, qualche foglia di basilico, pochissimo sale;
  • una foglia di lattuga;
  • 2 acciughe;
  • 15-20 grammi d’olio.
  • Alternativa: al posto delle acciughe puoi mettere 30 grammi di Prosciutto Crudo (Parma o San Daniele).

Tieniti forte, perché lo sai che le ricette della rubrica Lo Chef Presenta sono difficilissime.

Taglia in due il panino. Se, come me, non ami la mollica, strappala via con le mani.
Spezzetta la mozzarella e taglia a fette il pomodoro.
Metti 10 grammi d’olio su una parte del panino.

Adagia la mozzarella su una parte del panino. Sopra alla mozzarella metti un paio di acciughe spezzettate con le dita. Poi inizia a ricoprirla col pomodoro.

tumblr_p5uasdlnzi1r0awsqo2_1280

Sala (poco) i pomodori. Cospargi con un po’ d’origano, qualche foglia di basilico.

Olio pure sull’altro lato del panino.
Aggiungi poi una fetta di lattuga.

tumblr_p5uasdlnzi1r0awsqo3_1280

Io alla fine non ne ho messo più di tanto, come vedi.

Unisci le due fette e guarda lo splendore:

Siediti e mangia questo capolavoro dell’arte culinaria contemporanea.

Ciao e buon appetito!