Dolci

Crostata con crema di ricotta e marmellata di more.

Stai tranquilla che se guardo un film e qualcuno sullo schermo si mangia un maritozzo con la panna, sei secondi dopo ne ho uno in mano anche io e mi sto già strafogando. Quindi, data la mia granitica forza di volontà, tendo a non cucinare dolci. Una torta può durare circa tre-quattro ore e solo perché bisogna farla raffreddare per divorarla.
Però Lynch sta scassando l’anima da circa dieci settimane ed in ogni suo episodio di Twin Peaks c’è sempre qualcuno che mangia o ciambelle o crostate alla ciliegia.

tenor
Sempre così.

Quindi ho ceduto ed oggi impariamo a cucinare una crostata con ricotta e marmellata di more. Dato che è periodo, se hai la possibilità vai a cogliere delle more fresche in giro. Tra l’altro ti devi sbrigare, ormai si saranno già quasi seccate. Se non le hai non fa niente, la torta verrà solo meno bella.

Siccome di rado preparo torte, non ho una ricetta preferita sulla frolla. Ogni volta apporto qualche cambiamento (minimo) ma quello che ho imparato è che dentro non ci vuole il lievito, nonostante quasi tutti ce lo infilino.

La differenza tra una frolla col lievito ed una senza lievito?
– Quella senza lievito sarà più uniforme. Quella con lievito si gonfierà un po’ a cazzo, specialmente verso i contorni della tortiera, ed è anche possibile che non cuocia neppure in maniera omogenea.
– Se ti avanza della frolla e non hai messo il lievito puoi mangiartela a pezzetti. E non è mica un vantaggio da ridere. Già per questo si vince a mani basse;
– Quella senza lievito è decisamente più buona. E se non ti fidi del mio giudizio, prova tu stessa e fammi sapere.

tumblr_myy8gjcsn21sf5q9yo1_400
Dai, che oggi facciamo il bagno nella frolla.

Troverai infinite crostate su internet, io ho preso spunto da quella di Rossella… pane e cioccolato, anche se ho cambiato diverse cose (più per mie abitudini dolciarie che per vera ragione, poiché la ricetta è giusta e precisa).

Go, go, go!

Ho usato una tortiera da 18 centimetri di diametro. Che non so se è una cosa che ti aiuta, ma almeno hai una mezza idea di quanta roba ho preparato.

Ingredienti per preparare una crostata con crema di ricotta e marmellata di more:

Per la frolla:
– 250 grammi di farina per dolci;
– 80 grammi di zucchero;
– un cucchiaino colmo di miele;
– un uovo;
– 120 grammi di burro.

Per la farcitura:
– circa 300 grammi di ricotta di mucca;
– 80 grammi di zucchero;
– la buccia grattugiata di un limone piccolo;
– quasi un barattolo di marmellata di more (io uso quella senza zucchero, ti consiglio di seguire il mio esempio perché è buonissima);
– una trentina di more.

Ricordati di lasciare il burro fuori dal frigo qualche tempo prima di iniziare a lavorare. Anche se, con questo caldo, il burro è già morbido dopo pochi secondi.

In una ciotola metti la farina, lo zucchero, l’uovo ed il cucchiaino di miele. Mescola tutto con la frusta.

tumblr_ouq48pgpvq1r0awsqo1_540
La frusta è quella roba gialla che vedi a sinistra.

Aggiungi il burro tagliato a tocchetti e comincia ad impastare con le mani.

tumblr_ouq48pgpvq1r0awsqo2_540

Ci vorrà un po’, ma il burro dovrà essere completamente assorbito dalla farina e dovrai formare una palla compatta.

tumblr_ouq48pgpvq1r0awsqo3_540

Metti la pellicola intorno alla palla ottenuta e lascia riposare l’impasto in frigo per un po’. Quanto? Dipende. Minimo mezzora, un’ora è più che sufficiente. A cosa serve? Serve a far compattare di più l’impasto, di modo che quando lo stenderai non ti si spezzerà in mano per il troppo calore.

Trascorso il tempo necessario, prendi la teglia e imburrala.
Tira fuori l’impasto, tagliane un pezzetto di piccolo che ti servirà per fare le strisce decorative e rimettilo in frigo.

L’impasto che hai tirato fuori dal frigo sarà duretto, ma se lo lavori un po’ con le mani si ammorbidirà dopo poco. Stendilo sulla tortiera. Come? Non ti consiglio di usare il mattarello sul tavolo per poi posizionare la sfoglia di frolla sulla tortiera. Io prendo il pezzettone di impasto e lo lavoro direttamente nella tortiera, appiattendola bene ed aggiungendo frolla dove mi viene troppo sottile. Un lavoro che è più difficile da spiegare che da fare.
Il risultato deve essere questo qui:

tumblr_ouq48pgpvq1r0awsqo4_540
Non so se lo noti dalla foto, ma devi formare un margine un po’ più alto, ai bordi. Poiché ricordati che dentro ci dobbiamo mettere ricotta e marmellata, quindi dovrà essere coi bordi altini. Senza esagerare.
Puoi bucherellare la frolla con una forchetta, se vuoi, per facilitare poi la cottura nel forno. Io non l’ho fatto, ma solo perché mi sono dimenticata.

In un’altra ciotola metti la ricotta e mescolala con 80 grammi di zucchero e la buccia del limone grattugiato.
Con un cucchiaio, metti il composto preparato sopra la frolla.

tumblr_ouq48pgpvq1r0awsqo5_540

Metti questa roba nel freezer per 5 minuti.
Nel frattempo inizia ad accendere il forno a 180 gradi.

Esauriti i 5 minuti, tira fuori la tortiera e versa la marmellata sopra la ricotta:

tumblr_ouq48pgpvq1r0awsqo6_540
Adesso dobbiamo fare le strisce, che è la parte più complessa.
Tira fuori dal frigo il rimanente impasto, lavoralo con le mani e stendilo sul tavolo. Devi essere piuttosto veloce, soprattutto con questo caldo, perché l’impasto si scalderà in fretta e diventerà ingestibile (si spaccherà). Ti suggerisco di formare delle strisce larghe, poiché più saranno strette e più sarà difficile raggiungere un disegno regolare (e si spaccheranno più facilmente).
Procedi in una direzione alla volta. Forma delle strisce e mettile in orizzontale, per tutta la lunghezza della torta. Poi fai altre strisce, gira la tortiera di modo che le strisce che hai fatto risultino in verticale e ripeti l’operazione. Sempre per tutta la lunghezza della torta.

Capito un cazzo? Ci credo, come spiegare una roba del genere a parole? Guarda la foto, secondo me tutto ti sarà più chiaro:

tumblr_ouq48pgpvq1r0awsqo7_540
Inforna la torta a 180 gradi per 35 minuti. Ma controlla: ormai sai che ogni forno è diverso dall’altro.

Quando sforni, lascia raffreddare prima di toglierla dalla tortiera, altrimenti ti si spaccherà in mano.
Quando si sarà raffreddata, aggiungi anche le more sopra. Io ne ho messa una su ogni quadratino di marmellata:

tumblr_ouq48pgpvq1r0awsqo8_540
Aspetta che sia totalmente raffreddata prima di mangiartela, perché è più buona.
E non conservarla in frigorifero, altrimenti la sputtani. A me è durata tre giorni a temperatura ambiente, nonostante il caldo infernale.
Eccola, in tutta la sua bellezza:

tumblr_ouq48pgpvq1r0awsqo9_540
La prossima volta prepareremo un risotto con vino, speck e noci.
Ciao!

Annunci
Dolci

Torta con biscotti, mascarpone e cioccolato.

Sì, preparo anche dolci. Sì, sono orribili. Sì, sono buoni.
E no, non mi invento manco una ricetta. Se siamo qui oggi è grazie ad Aryblue da cui ho copiato TUTTO. Dunque se ti senti sicuro segui le sue direttive, altrimenti rimani qui ed iscriviti al corso per bradipi culinari made in Kaijuland.

Innanzitutto una roba importante: ovvio che usiamo i cucchiai e gli utensili come tutti gli esseri umani normali, però se vedi che qualcosa non va USA LE MANI. Avere paura di sporcarsi non è consentito, comprati un grembiule e non temere le battaglie col cibo a cui parteciperemo. Ne usciremo lerci, ma vincitori. Sempre.

Robe di cui hai bisogno per cucinare questa torta facilissima:
– Un frullatore per montare la panna;
– Un mixer a immersione + un mattarello se sei un bimbo povero come me, se sei con la grana e possiedi un mixer di quelli veri ancora meglio;
– Un contenitore grande (di plastica) per rompere i biscotti, un altro lungo e stretto per tritarli bene ed uno per montare la panna;
– Una tortiera (io ho usato una di 22 cm di diametro, la tipa Aryblue da 24 e credo proprio che ci si possa fidare di lei, la mia è venuta più alta della sua per il troppo ripieno, ma tanto ‘sticazzi visto che la mangio solo io e la bellezza non è tutto nella vita);
– Qualche cucchiaio, della carta da forno, della stagnola per conservarla alla fine e magari uno strofinaccio per coprirla durante la preparazione (fanculo la pellicola, io odio la pellicola, mai capito come si usa).

Se hai tutto esci di casa, fai lo slalom tra gli zombi (occhio che mordono) e vai a fare la spesa. Devi comprare:

– 400 grammi di biscotti panna e cacao (ho usato gli abbracci, come il nostro guru Aryblue ha consigliato);
– 150 grammi di burro;
– 250 grammi di mascarpone;
– 250 grammi di panna fresca;
– 70 grammi di zucchero a velo;
– 100 grammi di gocce di cioccolato.

Respira lentamente, mettiti nell’ordine di idee che se ti sembra di fallire, TUTTO è recuperabile e quindi resisti alla tentazione di rinunciare  alla prima stronzata che fai. Oggi non ho combinato particolari casini, a parte lanciare un cucchiaino di panna per terra che purtroppo non ho avuto la prontezza di fotografare, ma è un caso. Tra l’altro ne sono uscita con la faccia del tutto coperta di mascarpone, quindi oh, keep calm ed iniziamo.

Prendi 300 grammi di biscotti (TRECENTO! NON HO DETTO TUTTI! CRISTO, ASCOLTA QUANDO TI PARLO!) e gettali nel contenitore di plastica. Prendi pure il mattarello.

DSC01964.JPG

Con la punta del mattarello SPACCA TUTTO fino a che non diventano così:

DSC01966.JPG

I biscotti avremmo ovviamente potuto farli anche in casa, ma se distruggere il lavoro del Mulino Bianco è liberatorio, distruggere il proprio è roba da lutto nazionale. Quindi NO.

A questo punto prendi il mixerino e finisci di polverizzare gli abbracci (metto la foto degli utensili che non guasta):
DSC01967.JPG

Mentre triti col mixerino si formerà uno strato di biscotto duro sotto le lame. Ora, per paura dei Gremlins ma anche per buon senso, STACCA LA SPINA e togli lo strato di biscotti e buttalo insieme al resto del trito. Quest’operazione dovrai ripeterla diverse volte, ma ricorda SEMPRE di staccare la spina. Sembra un consiglio per coglioni, ma poi uno non ci pensa e si ritrova senza dita medie da alzare e non è bello.

Detto questo, fermati quanto avrai ottenuto questo risultato:
DSC01969.JPG

A questo punto prendi il burro e mettilo in un piatto FONDO e mettilo nel microonde per farlo sciogliere. Bastano una ventina di secondi a potenza massima. Mi raccomando: PIATTO FONDO! Non fare come me che, genio come sono, ho cacciato tutto in un piatto piccolo piano e dopo ho dovuto improvvisarmi equilibrista per non rovesciare tutto. Ti assicuro che invocare cristo invano mentre si allena l’equilibrio rasenta l’impossibile.

Una volta sciolto il burro, caccialo nei biscotti tritati e gira tutto con un cucchiaio. Devi raggiungere una consistenza compatta:

DSC01970.JPG

Copri la tortiera con una carta da forno e riempila con questa tua splendida creazione. Con le mani. E cerca di formare un bordino nei lati di qualche centimetro. Bordino che io ho fallito (non del tutto, ma siam lì) a creare, quindi se ci riesci dimmi come hai fatto e mandami la foto. Una volta che hai spalmato tutto, cercando di avere uno spessore non ondeggiante, livella tutto col cucchiaio così non si vedono le tue manate. Viene così:

DSC01971.JPG

Metti tutto in frigo per 30 minuti, per farlo solidificare. Mentre aspettiamo, prepariamo il ripieno.

Monta la panna con il frullatore. Non puoi sbagliare: quando raggiunge la consistenza della panna spray, hai finito. Non usare mai il frullatore alla massima potenza, se hai diverse velocità. La minima e quella subito successiva verso metà lavorazione sono sempre sufficienti. Può accadere che verrai smerdata dalla panna, alla slimer, ma fa tutto parte del divertimento. Ecco cosa deve venire fuori:

DSC01975.JPG

Un grazie all’ombra pochissimo fotogenica che ha voluto tingersi di marrone per l’occasione.
Ora il passo più importante di tutti, da ripetere AD OGNI OCCASIONE (ma non se c’è il lievito negli impasti, MI RACCOMANDO, che poi ti viene mal di pancia):

DSC01974.JPG

Mangia tutti gli avanzi! La panna senza zucchero non è mondiale, ma a me fa sbavare comunque. Dopo avrete un sacco di crema zuccherata e mascarpone, almeno quella assaggiatela. Anzi, prepariamola:
aggiungi lo zucchero a velo alla panna, mettendolo non a cucchiaiate ma con le mani, cercando di non creare palle di zucchero. Puoi farlo pure con un colino (o quale che sia il nome di quella roba fatta con un retino dai tanti buchi) ma a me piace sporcarmi le mani. Mescola lo zucchero alla panna con un cucchiaio, non velocemente che poi fai casino e non so se la panna si potrebbe smontare (ma non ti succederà, credici).
A questo punto cacciaci pure il mascarpone, TOGLIENDO IL LIQUIDO sennò rovini tutto. Gira tutto quanto, aggiungi 70 grammi di gocce di cioccolato (se vuoi pure di più, ma 70 mi sembrano sufficienti) e poi caccia tutto in frigo che abbiamo un’altra operazione da compiere.

Metti nella stessa ciotola in cui avevi mescolato biscotti e burro altri cento grammi di biscotti (ho approfittato per liberarmi di tutti gli abbracci spezzati, che poche cose mi stan sul cazzo come i biscotti rotti) e rompili con il solito mattarello. Questa volta non ci serve il mixer perché non deve essere farinoso, ma molto più granuloso.
Il risultato deve essere più o meno questo:

DSC01978.JPG

A questo punto iniziamo il lancio dei componenti, cantando la sigla di Jeeg Robot d’Acciaio perché viene spontanea. Metti tutta la crema al mascarpone sul fondo che hai preparato (quello nella tortiera), cercando di essere più uniforme possibile e di non superare il bordo se hai fatto il bordo. La crema è parecchia, quasi troppa, io un po’ l’ho anche mangiata per merenda (un paio di cucchiai).
Poi caccia sopra a tutto i biscotti che hai tritato a forza di sudore e colpi di mattarello e copri tutta la crema (con un cucchiaio). A questo punto butta pure altri 30-40 grammi di gocce di cioccolato.
Il risultato, al suo peggio, dovrebbe essere questo:

DSC01980.JPG

Bella merda, eh?
Però l’ho assaggiata ed è buonissima, giuro.

A questo punto la metti in frigo, coperta con della carta da forno, e dopo tre ore te la puoi mangiare. Se vuoi puoi metterci dello zucchero a velo (filtrato con il solito colino… se non ce l’hai, puoi arrangiarti con un mestolo da minestra coi buchi. Non è uguale, ma tanto chi cazzo ti vede?).
Ecco il capolavoro finito:

DSC01987.JPG

Ne ho anche tagliato un pezzetto per cercare di farvi vedere meglio questa meraviglia dell’estetica culinaria.

Ma prima di mostrarvi la fetta, un bonus.
Mangio quintalate di dolci e per cercare di farmi tappare la bocca più possibile, calcolo le calorie. Un dolce del genere, se inizi con un cucchiaino, rischi di finirlo in mezzora, esplodendo come Mister Creosote. Facendo un rapido calcolo, sappiate che 100 grammi di questo dolce corrispondono a circa 500 calorie. Vorrà dire che il giorno dopo farai come Capitan America e correrai un paio d’ore per sentirti meno in colpa (perché smaltirla non credo sia possibile).
Qui sotto la fetta che corrisponde a circa 120 grammi, in tutto il suo splendore:

DSC01990.JPG

Buona merenda e appuntamento a domani, per imparare a cucinare il risotto.