Gli spaghetti di quello che c’ha fretta (+ uova, scarpe e falò raccontati da un Custode Grigio)

Ero così abituata ai personaggi programmati con 2 frasi in croce che la prima volta che ho giocato a Dragon Age Origins l’ho cannato di brutto, talmente di brutto che praticamente ho ammazzato metà dei protagonisti per sbaglio. Non che sia mai stata una di quelle persone brutte che skippano i video della trama, ma non è che a me le trame rimangano poi tanto impresse. Manco di quei videogiochi che mi sono piaciuti per davvero, che magari ho anche platinato.
Tipo di tutti i capitoli di Gears of War ricordo giusto la frase Muori Battiterra e questo logo qui:

Anche se non è che si crepasse poi tanto.

Non è un’eccezione. Già dopo una decina di ore di gioco di solito entro in modalità Fatemi tirare le uova e lasciatemi sola nel mio mondo d’autismo.
Le storie non mi interessano più, accumulo solo missioni secondarie e raccolgo collezionabili. Alien Isolation di che parlava? Boh, io ricordo solo le ore passate dentro agli armadietti in attesa che quell’alieno del menga andasse a sbavare da un’altra parte.

Uno dei miei giochi preferiti: un pulcino che tira le uova. Si intitola Woah Dave!

Quindi il mio approccio con Dragon Age è stato lo stesso, durante la prima partita che è durata comunque un centinaio di ore.
Incontro una maga che non mi fa entrare nella torre? L’ammazzo.
Incontro un elfo assoldato come sicario per farmi fuori? Chiede pietà mentre gli sto per ficcare la spada in gola? Lo sgozzo.

Per non parlare dei miliardi di dialoghi che mi sono persa nell’accampamento. Io non avevo capito niente. Andavo, ammazzavo prole oscura e quasi basta.

Un pesce che cambia livello ogni 10 secondi. Un altro dei miei giochi preferiti. Si chiama Shutshimi.

Dico quasi basta, perché più della metà del tempo la passi a comunicare, quindi era difficile non rendersi conto della profondità di scrittura dei dialoghi.
Non sto parlando della semplificazione a risposta multipla presente, per esempio, in Mass Effect.
In Dragon Age Origins (DAO, per gli amici) ci sono 5-6 scelte di dialogo, alcune anche molto simili ma che rispecchiano caratteri leggermente differenti. Improbabile che tra quelle proposte tu non riesca a trovare quella che proprio tu cercavi.

E la cosa bella è che la gente si ricorda di quello che dici e di quello che fai, mica come nella vita reale che non ti caga nessuno. I tuoi compagni ti schifano, ti vogliono ammazzare, ti insultano o ti amano a seconda delle tue azioni. Mica solo quelle molto importanti, come quando ho distrutto le sacre ceneri e tra un po’ mi linciano. No, pure quelle piccole. Una frase storta, la scelta di non portare con te qualcuno che ci teneva tantissimo a vedere un tal posto e tu te ne sei fregato.
C’è una cura incredibile pure nelle storie d’amore, che risultano essere più complesse di quelle della vita reale.

Seriamente, dopo DAO questo è il mio gioco preferito in assoluto. Un bambino che combatte con le lacrime e si aggira in un seminterrato pieno di merda e mostri che lo vogliono mangiare. The Binding of Isaac, difficile e consigliatissimo.

Quando la mia Elfa Pina si è messa insieme a Leliana tutto ok: bastava parlare di scarpe e lei era contenta.
Con Zevran pure le cose non erano poi tanto complesse: era uno che capisce solo SCOPARE! quindi devi proprio essere scemo come me ed ammazzarlo, per non finirci a letto.
Ma con Morrigan è stata una tortura. Permalosa, troppo intelligente per non comprendere quando le stavi facendo un complimento solo per secondi fini. Per non parlare dei regali: indovinare cosa desiderasse non era banale.

Una tipica frase che dedicava se osavi portarle dei fiori.

Fosse solo questo.
Il mondo di Dragon Age Origins è vivo pure quando non lo guardi. I posti in cui passeggi sembrano reali. Personaggi con cui non parlerai mai fanno i fatti loro e non sai mai dove potresti trovare una missione secondaria (interessante, mica Vai, prendi 5 pozioni, portamele). Gli incontri durante gli spostamenti sono pensati in maniera particolare, come quando devi trovare l’accampamento elfico ma sulla mappa non è segnato.
Ogni area nuova cela un sacco di eventi che poi non ti danno niente al fine dell’esperienza del tuo personaggio: non un punto, non una missione. Solo il divertimento di essere lì e guardarli. Come quando passi ore ad ascoltare le leggende elfiche, seduto in mezzo al bosco. Bello e basta.

Questo invece è un gioco del NES e si chiama The Battle of Olympus. Un po’ il nonno di God of War. Uno dei miei preferiti, ai tempi.

In più c’è il cambiamento da una partita all’altra. A parte l’introduzione (che è completamente diversa, fino al giuramento con Duncan), l’intero gioco (che conta almeno un centinaio di ore, se lo si vuole completare per davvero) cambia sensibilmente a seconda delle scelte. Non è solo nero e bianco. Ci sono pure sottotrame che possono essere concluse in tantissime maniere diverse (a volte ne scopro ancora di nuove, nonostante abbia completato DAO almeno 5 volte).

La mappa del Ferelden, DAO.

Non sono nemmeno in grado di spiegare il mio legame con Duncan e i Grey Wardens. Di certo non sono una persona che si entusiasma spesso, a parte per il cibo.
Se dunque ti confesso che il giuramento iniziale è forse uno dei momenti più alti che abbia vissuto in un videogioco, non sto esagerando.

Pure se arriva da quella ciofecata di Dragon Age Inquisition è fottutamente vero.

Sono cosciente del fatto che DAO è una scopiazzatura nemmeno tanto originale del Signore degli Anelli. Sì, l’ho letto, non è che sia proprio impreparata.
Tuttavia l’illusione di essere davvero protagonista assoluto delle tue azioni, di poter controllare ogni sfumatura della tua voce, dei tuoi gesti e poter risolvere le situazioni usando il cervello come meglio credi (o il braccio, se la tua indole è incazzosa) è qualcosa che funziona così bene che non te ne frega niente delle scopiazzature evidenti. O almeno non dovrebbe fregartene.
Quando incontri gli alberi parlanti non pensi agli Ent. Pure se sono identici.

Non è certo l’unico caso di videogioco del genere, ma è senz’altro l’unico uscito dall’avvento della ps3 in poi. Sì, lo so che lo dicono di tanti altri titoli. Peccato che poi non sia vero (e ricordiamoci che quasi tutti i videogiocatori non finiscono i titoli, figurarsi rigiocarli per verificare se cambia qualcosa).

Forse forse forse la cosa che più si avvicinava ad una costruzione del mondo plasmabile dal videogiocatore era Fable II, che lasciava parecchio spazio di manovra. Tuttavia lì si comunicava a scoregge e rutti – letteralmente – quindi la profondità del tuo personaggio soffriva parecchie lacune.

Ma ora basta perché, non so come stai messa te, ma io c’ho fame.

Sapevo che saresti stata d’accordo. Hey, bella abbronzatura!

Oggi ti propongo una roba che prepari nel tempo della cottura della pasta.
Serio, eh: metti l’acqua a bollire e mentre aspetti le bolle e poi la cali, c’hai il sugo pronto.
Il sugo impiegherà dai 10 ai 18 minuti totali, a seconda di quanto freddi saranno i tuoi pomodorini (qui non uso il frigorifero, talmente fa freddo in casa).
Su Facebook, per puro spirito ribelle, mi hanno detto che se uno ha fretta non è abbastanza veloce ed io ci ho riflettuto un attimo. Dopo attenta riflessione ho trovato solo un’altra gustosa pietanza più veloce di quella che stiamo per preparare. Questa:

Nonno Palmiro ne va matto.

Go, go, go!

Per preparare gli spaghetti di quello che c’ha fretta, per due persone, hai bisogno di:

  • 180 grammi di spaghetti;
  • 500 grammi di pomodorini;
  • 30 grammi di pangrattato;
  • 30 grammi d’olio;
  • origano, sale;
  • qualche foglia di basilico;
  • 50 grammi di parmigiano o altro formaggio che hai in casa (io ho usato un misto di provolone e parmigiano);
  • uno spicchio d’aglio.

Metti l’acqua della pasta a bollire ed accendi il forno a 200 gradi.

Lava i pomodorini e tagliali in quattro pezzi.
Ungi bene la teglia con un cucchiaio d’olio (circa 10 grammi) e posaci sopra i pomodorini.

Caccia dentro 30 grammi di pangrattato, 50 grammi di formaggio grattugiato grossolanamente, un po’ di sale, dell’origano e 20 grammi d’olio.
Mescola tutto benissimo, poi metti dentro anche uno spicchio d’aglio in camicia, schiacciato.

Inforna a 200 gradi dai 10 ai 18 minuti.
Cosa deve venire: una specie di sugo. Vedrai formarsi là dentro un composto uniforme, un po’ gratinato. Insomma, spegni quando ti senti soddisfatta del risultato. Il mio era così, per farti avere un’idea:

Nel frattempo hai preparato gli spaghetti?
Bene. Mettili nella teglia, insieme a del basilico, ed amalgama gli ingredienti.

Prepara le porzioni e decora ogni piatto con qualche altra foglia di basilico.
Ecco cosa dovresti avere davanti:

Ciao e buon appetito!

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...