Pasta con la zucca.

Che la zucca è una roba mondiale l’ho già ripetuto numerose volte. In molti la schifano, bollandola come insapore e non dandole neppure una possibilità di riscatto. Però quando i temerari si sforzano di comprenderla, la loro reazione è – immancabilmente – questa:

tenor1
Qui troverai solo incondizionate dichiarazioni d’amore per lei e dato che l’abbiamo cucinata in un risotto e l’abbiamo frullata per farci una crema in una pasta mondialissima, mi sembra giusto dedicarle un post dove la protagonista è lei e lei soltanto.
E dopo che l’avrai assaggiata raggiungerai la pace dei sensi.

tenor2

A cena noi eravamo così.

Per preparare una pasta con la zucca per due persone (e ricordo che noi mangiamo un piatto unico, quindi le dosi sono sempre abbondanti) hai bisogno di:

  • 180 grammi di pasta corta;
  • dai 500 ai 700 grammi di zucca. Bisogna sempre ricordarsi di chiederne di più, poiché la buccia pesa. In questo caso me ne avevano dati 900 grammi, io ne ho usato 700. Non era tanta come si può pensare;
  • una cipolla rossa. Mezza se è molto grande;
  • pepe, sale, 2 cucchiai d’olio;
  • 50 grammi di formaggio grattugiato a scaglie grandi, da mettere sui piatti (ma senza esagerare, la pasta è ottima pure senza). Quale? Pecorino, ricotta salata, provolone. O quello che ti viene in mente. Ottimo l’Auricchio piccante.
  • rosmarino secco.

Go, go, go!

Metti a bollire l’acqua della pasta.
Intanto taglia a pezzetti la zucca: leva i filamenti, scarta la buccia e poi riducila a pezzetti piccoli. Quanto piccoli? Diciamo che ti puoi fermare quando ti sarai rotta le palle.

In una padella piuttosto grande metti due cucchiai d’olio, falli scaldare, poi aggiungi la cipolla tritata ed un po’ di trito di rosmarino, se hai deciso di inserirlo. Falla andare a fiamma vivace per qualche minuto, fino a quando diventa bella colorata:

tumblr_p4euorfvok1r0awsqo1_1280

A questo punto puoi aggiungere la zucca e dell’altro rosmarino.

tumblr_p4euorfvok1r0awsqo2_1280

Falla andare a fiamma medio alta, girando spesso per non farla attaccare. Cospargi di sale (non molto, ma l’aiuterà a cacciare l’acqua in eccesso), metti un po’ di pepe ed aggiungi un’ultima spolverata di rosmarino.
Quando vedi che ogni cubetto inizierà a creare dei filamenti, continua la cottura a fiamma molto bassa fino all’arrivo della pasta.

tumblr_p4euorfvok1r0awsqo3_1280

Quando cioè sarà così.

Assaggia ed aggiusta di sale, tenendo conto che la zucca è molto dolce e che il formaggio con cui cospargeremo i piatti sarà molto poco.

Attenzione: non è detto che la zucca si sfaldi in questa maniera. I tipi di zucca sono molti ed anche il grado di maturazione modifica il comportamento durante la preparaizone. Quindi assaggia sempre e raggiungi la cottura che desideri di più. A me piace morbida ma non completamente sfatta, se a te piace più croccante o addirittura a crema comportati di conseguenza.

Mentre attendi la pasta, ricordati di grattare il formaggio.

Scola la pasta un paio di minuti prima del tempo indicato sulla confezione (senza buttare l’acqua di cottura), cacciala in padella e concludi lì la cottura, a fiamma media. Se vedi che tutto sembra seccarsi, aggiungi un po’ d’acqua della pasta.

tumblr_p4euorfvok1r0awsqo4_1280

Impiatta e dovresti avere ottenuto questo risultato:

tumblr_p4euorfvok1r0awsqo7_1280

Direttamente sui piatti aggiungi una spolverata leggera di pepe ed il formaggio che hai deciso di grattugiare: che sia poco, come ho scritto diverse volte. Deve accompagnare, non coprire il sapore della zucca. 50 grammi è il massimo consentito dalla legge dei Kaiju.

Tipo così:

tumblr_p4euorfvok1r0awsqo5_1280

Per me è un dieci totale, una pizza intera, il capolavoro dei capolavori. Ed è semplice e leggera, che non guasta.

Ciao e buon appetito!

Annunci