Primi

Tagliatelle alla rompicoglioni, con salsa di fragole.

Warning: se decidi di provare questa ricetta ti ci vuole un piano B.

20525240_1579160498784118_7012904660497609597_n
Il Piano B.

Questo perché, nonostante a me sia piaciuta un casino, è ovviamente un azzardo.
Il fatto è che ho provato l’insalata di fragole ed era mondialissima, il risotto alle fragole non era niente male… quindi vai, proviamo con la pasta e vaffanculo.

tumblr_oufp0lewad1qdm4tlo1_500
Ma no, ti giuro, era davvero BUONA.

Non troverai questa ricetta in giro per l’internet, poiché le food blogger hanno deciso che le fragole si debbano cuocere, creando così pappette calde dal gusto discutibile. L’ho già scritto: le fragole devono essere mangiate a temperatura ambiente, la cottura ne altera totalmente il sapore.
Ho scelto le tagliatelle perché, se la ricetta fosse venuta una vera merda, le tagliatelle sono buone lo stesso (era il mio piano B, qui la pizzeria Rambo mica c’è).
Per preparare le tagliatelle sai già come fare. 

Dopo gli insulti gratuiti travestiti da critiche costruttive ricevuti su Facebook, questa ricetta si chiamerà Tagliatelle alla rompicoglioni.

Quindi go, go, go!

tumblr_od8bed7quo1usnmzao1_500
Ti rassicuro un po’.

Per preparare le Tagliatelle alla Rompicoglioni, con panna e fragole, per due persone, hai bisogno di:

– Tagliatelle per due (verrà sicuramente più di 180 grammi a testa, se le fai in casa);
– 200-250 grammi di fragole;
– 200 grammi di panna da cucina;
– parecchio pecorino da grattugiare sui piatti;
– pepe.

Prepara le tagliatelle parecchie ore prima della cena, come ben sai più seccano e meglio è (ma nulla ti vieta di prepararle al momento).
Metti l’acqua a bollire (e nell’acqua metti un cucchiaio di olio per commensale, per non fare attaccare la pasta)

Intanto prepariamo la cremina.
Non amo la panna da cucina e da quando ho aperto il blog credo di averla usata giusto un paio di volte, ma mi serviva qualcosa di insapore che facesse da collante. La ricotta non andava certo bene (troppo papposa) quindi via libera alla panna di merda, per una volta.

Quindi lava e taglia le fragole.

tumblr_ouf0lxx5u11r0awsqo1_540

In un contenitore alto e stretto metti dentro i 200 grammi di panna da cucina ed unisci 200 grammi di fragole. Frulla bene con il mixer ad immersione.

Ti verrà una crema piuttosto liquida, non densa. Eccola:

tumblr_ouf0lxx5u11r0awsqo2_540
Adesso ti tocca assaggiare, perché la quantità di fragole dipende da quanto sono dolci. Il gusto deve essere delicato (non deve sembrarti di mangiare il gelato alla fragola, per capirci) ma la fragola deve sentirsi chiaramente. Se ti sembra troppo acido, aggiungi altri 50 grammi di fragole. Ma non di più, altrimenti si esagera.
Metti anche del pepe nella salsina, se vuoi. O, se non ti fidi, mettilo direttamente sui piatti per fare una prova. Metti la salsa in una insalatiera grande.

Prepara le tagliatelle, poi buttale nella insalatiera. Girale bene e prepara i piatti.

tumblr_ouf0lxx5u11r0awsqo3_540
Troppe fragole, troppe tagliatelle, ma soprattutto troppi rompicoglioni nell’internet.

Le fragole che vedi non le avevo messe per decorazione, ma per mangiarle a pezzi con la pasta. NON FARLO. Non c’entrano un cazzo.
Quello che invece devi fare è mettere una spolverata di pepe nero e soprattutto una generosissima grattata di pecorino. C’è bisogno di qualcosa di salato per contrastare la dolcezza delle fragole. Esattamente come abbiamo fatto quando abbiamo cucinato il risotto.

Eco il risultato finale:

tumblr_ouf0lxx5u11r0awsqo4_540

Se non ti piace, non esitare a scrivermi per dire quanto fa cagare, mi raccomando.
Io le assegnerei un otto e la rifarò senz’altro, nonostante la stranezza.

Al prossimo appuntamento si torna su robe più classiche: prepareremo una pasta col sugo di melanzane, ché le melanzane sono molto snobbate, su questo blog.

Ciao!

Annunci