Primi

Spaghetti alla carbonara + una frittatina orrenda di albumi e rucola.

Ed eccoci. Il piatto più sputtanato, più modificato, più ignorantemente cucinato dal meraviglioso popolo della rete.
Ne avevo già parlato qui ma le imprecazioni non sono mai abbastanza: no, cristo dio, nella carbonara non ci vuole la panna. No, neppure la curcuma. E no, manco il tofu. Quelle sono altre robe, pure buone se vuoi, ma che con il piatto che dobbiamo preparare nulla hanno a che fare.

Kahn_thumb.gif
Il famoso giorno in cui Khan cucinò la carbonara con carciofi e zafferano.

Oltre all’unire stronzate a caso e mescolarle con le uova (quando siamo fortunati, poiché spesso anche le uova vengono omesse), l’altro errore comune è quello di creare una frittata invece di una crema omogenea, liscia e compatta. Errore che ha portato alla distruzione di famiglie felici e rovinato amicizie millenarie.

tumblr_o274k05sxq1v7ay98o1_1280
Disperazione post pranzo. Non volevo una frittata, queste le sue ultime parole.

Quindi oggi cercherò di fare ordine e di preparare la migliore carbonara che è nelle mie possibilità. Come sempre, ogni ulteriore consiglio è sempre gradito e ricordiamo che il blog è sempre in evoluzione e che pure io non so fare un cazzo ed imparo strada facendo.

Ingredienti per una carbonara per due persone:
– 180 grammi di spaghetti;
– 100 grammi di guanciale tagliato a pezzetti;
– 50 grammi di pecorino romano;
– 1 uovo intero + 2 tuorli;
– pepe.

Parentesi necessaria per le uova. Come ho già scritto, non bisogna creare una frittata ma non dobbiamo neppure avere un liquidino viscido nei piatti. Per le proporzioni mi sono fidata di ciò che dice Sonia Peronaci e mi sono sempre trovata bene: un uovo intero ogni due persone, più un tuorlo a testa. Quindi, se siete quattro persone, 2 uova e 4 tuorli. In sei? 3 uova e 6 tuorli.

Sei da solo? Eh, sono cazzi, non lo so. I drammi dell’aritmetica.

tumblr_nhgm31l5z91ttw2neo1_250
Androidi impazziti durante il calcolo delle uova.

Ho cazzeggiato abbastanza, quindi iniziamo.

Metti l’acqua della pasta a bollire.
Taglia il guanciale a pezzetti. Ricordati di levare tutta la cotica e le parti esterne dure, poiché si brucerebbero e rovineremmo tutto. La prima volta che ho comprato il guanciale nessuno mi aveva avvisato, io non ho capito niente come al solito ed ho sputtanato la cena. In più non ho manco usato il guanciale per un altro paio di anni per la delusione, sbagliando cento milioni di piatti mondiali.
L’ho già scritto in passato ma lo ripeto: la pancetta ha un suo gusto, il guanciale è solo ciccia. Per certi piatti è necessaria la ciccia e tutto il resto sarebbe un’aggiunta superflua.
Carbonara? ciccia.
Quindi, tornando a bomba, leva la cotica.

DSC03033.JPG

Metti il guanciale in padella – SENZA OLIO! – e fallo soffriggere finché non diventa trasparente e croccante (se lo vuoi croccante, altrimenti ferma la cottura prima).

DSC03043.JPG

Gratta cinquanta grammi di pecorino.
Adesso occupati delle uova. In una ciotola metti l’uovo intero e poi, con l’aiuto di un bicchiere, dividi i bianchi dai rossi.

DSC03034.JPG
Chirurgia culinaria.

Aggiungi i tuorli all’altro uovo e mescola il tutto. Caccia dentro il pecorino e gira con una forchetta fino a quando non avrai ottenuto una crema piuttosto omogenea e compatta.

DSC03047.JPG
Circa così.

Dalla foto puoi notare che no, il pecorino non è che svanirà magicamente. Ma non devono esserci grumi di formaggio. Col calore vedrai che si trasformerà, abbi fede.
Aggiungi anche il pepe, gira ancora un po’ e lascia tutto lì.

Adesso butta la pasta in pentola e ricordati di accendere la padella del guanciale un paio di minuti prima della fine della cottura degli spaghetti. Questo è un passaggio importante, poiché gli spaghetti dovranno essere fatti saltare in padella CALDA insieme al guanciale. Così:

DSC03055.JPG
Mescola tutto, poi butta pasta e guanciale dentro all’uovo. NON DEVI BUTTARE LE UOVA IN PADELLA poiché è qui che si creerebbe la frittata.
Una volta che hai buttato gli spaghetti ed il guanciale nella ciotola delle uova, gira velocemente cercando di mescolare le uova in modo uniforme. Devi essere veloce, poiché il calore dovrà trasformare la tua pappetta nella cremina della carbonara e se si perde il calore della pasta per strada possiamo buttare tutto nella spazzatura.

DSC03060
Durante l’operazione.

Se sono riuscita a spiegarmi, dovresti avere ottenuto questo risultato:

DSC03063.JPG

Adesso ti farò vedere il piatto vuoto, con i rimasugli della crema, per farti capire come avrebbe dovuto essere. Se hai seguito le mie istruzioni e le dosi non dovresti avere avuto problemi.

DSC03070.JPG

Come vedi non c’è liquido, non c’è frittata e la cremina è omogenea. Questo è quello che devi ottenere, tutto il resto è un fallimento. Buono lo stesso, eh, ma fallimento.

Aggiungo un bonus.

Detesto buttare il cibo, quindi ogni volta che preparo la carbonara cerco di utilizzare anche i bianchi avanzati. In una ciotolina mescolo gli albumi, sale, pepe e quello che ho in frigo. In questo caso ho tagliuzzato un po’ di rucola. In padella ho messo un cucchiaio scarso di olio, ho cacciato il composto ed ho aggiunto anche un po’ di pecorino grattato sopra al composto.
Dopo pochi minuti, devi girare la frittata aiutandoti con un coperchio e, bon, fatto.
Io me la sono dimenticata sul fuoco perché tra foto del blog e carbonara non capivo più un cazzo, quindi ad un certo punto – tra porchidii e madonne – si è attaccata alla padella e l’ho mezza spaccata. Ma era buona.

DSC03053.JPG
Sì, avrebbe dovuto cuocere ancora un minuto ma ne avevo piene le balle.

Durante tutto questo casino, sono riuscita ad insegnarti la carbonara? Sospetto di sì. Se la fai, mandami una foto della tua cremina (inviala con orgoglio, io le posterò con immensa commozione).

Il blog sarà in riposo per qualche giorno causa ponte del venticinque aprile, ma tornerò il 26 e settimana prossima parleremo di Cheeseburgers pesantissimi ma mondiali, di pasta e fagioli alla Walking Dead e di pollo e peperoni con l’aceto balsamico.

Ciao!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...